rotate-mobile
Attualità Aversa

Casallari e curricula dei candidati online tra denunce e smentite

L'attacco della candidata del Basilisco Eugenia D'Angelo ma i dati sono stati pubblicati

Un falso allarme. Questo è stato quello della candidata de ‘Il Basilisco’ che nella giornata di ieri ha denunciato la mancata pubblicazione del curriculum vitae di ciascun candidato e il relativo certificato del casellario giudiziale.

Secondo l’ex consigliera del Pd “ad oggi nessuno degli altri candidati ha adempiuto agli obblighi previsti dalle normative”. A suo dire mancherebbero i certificati del Partito Democratico e “Il sito del candidato zanniniano Matacena, è fermo. Farinaro del centrodestra non ha neanche un sito internet. Da una prima ricerca non risultano siti delle liste civiche che sono in coalizione con i due candidati”. E non solo. Per Eugenia D’Angelo “La politica che serve ha pubblicato tutti gli atti sul sito personale di Alfonso Golia (non è comprensibile se questa decisione sia corrispondente ai criteri di legge giacché Golia non è un candidato e il suo sito personale non è quello della lista, come previsto dalle norme)”. La candidata sindaco però è stata un po' affrettata e ha messo (quasi) tutti i competitor d’accordo dimenticando, però, nella nota stampa di indicare il suo sito internet che, dopo svariate ricerche, abbiamo trovato. Necessaria, però, un’osservazione: per consultare i curricula dei candidati de ‘Il Basilisco’ è necessario essere in possesso di un account gmail in quanto i documenti sono caricati su un drive e non sono direttamente consultabili come nei casi degli altri candidati.

Mentre cercava i siti internet e le pubblicazioni dei competitor, però, Eugenia D’Angelo è inciampata anche lei: da questa mattina sui suoi account social augura a tutti una “Buona festa della Liberazione” confondendo, evidentemente, la festa della Repubblica del 2 giugno con quella della Liberazione del 25 aprile. 

D'angelo-2

La smentita di Eugenio Marino

“In merito all’inchiesta della candidata D’Angelo che denuncia coma ‘segnale pericolosissimo’ la mancata pubblicazione dei casellari giudiziali e curriculum vitae del PD, mi fa piacere rassicurarla subito del contrario, in modo da lasciarle più tempo per dedicarsi a nuovi e più avvincenti scoop”, spiega il commissario cittadino del Pd. E continua: “Non so dove D’Angelo cerchi la pubblicazione di questi documenti - continua il commissario Marino - ma mi fa piacere ricordarle che il PD è un grande partito nazionale e pubblica i suoi documenti a norma di legge e sui propri siti regionale e nazionale. E D’Angelo dovrebbe saperlo bene - conclude Marino - visto che in uno dei passaggi della sua vita politica ha fatto parte anche del PD e con esso è stata eletta in consiglio comunale, tant’è che se cercasse bene troverebbe sul sito del PD non solo casellari e curriculum degli attuali candidati, ma anche i suoi del 2019”.

L’affondo di Alfonso Golia

“Eugenia D'Angelo dimentica che cinque anni fa il suo curriculum vitae ed il suo casellario stavano sullo stesso sito internet. Il sito della lista ‘La politica che serve’ ha come dominio Golia.eu”., ha detto l’ex sindaco Alfonso Golia. E poi l’affondo: “Comprendo che Eugenia d'Angelo abbia la necessità di vivere di luce riflessa rispetto alla mia persona ma le comunico che il suo curriculum e il suo casellario quattro anni fa sono stati pubblicati esattamente sullo stesso sito internet”. 

Il sito della coalizione di Antonio Farinaro

Basta googlare le parole “Antonio Farinaro sindaco aversa” e tra i primi risultati del motore di ricerca c’è https://antoniofarinarosindaco.it. Le pagine web contengono i nominativi dei candidati delle liste di Forza Aversa, Antonio Farinaro sindaco, Noi Moderati e Fratelli d’Italia con i relativi curricula e casellari giudiziari. Sul sito c’è anche una sezione apposita dedicata alla biografia del candidato ed al programma elettorale. Insomma, non manca niente.

La home page di Francesco Matacena

L’unico che, al momento in cui scriviamo non ha adempiuto agli obblighi di legge è il candidato sindaco Francesco Matacena. Il candidato ha il sito https://www.matacenaperaversa.it/ o https://www.matacenaperaversa.it/home che però non ha contenuti ed è fermo alla home page. Sicuramente i presentatori delle liste di Matacena già sono al lavoro per adempiere agli obblighi di trasparenza. L'omessa pubblicazione dei curricula e dei casellari dei candidati, infatti, pur non comportando l'esclusione delle liste o dei singoli candidati da parte delle commissioni elettorali circondariali determina, ai sensi dell'articolo 1, comma 23, della predetta legge 9 gennaio 2019, n. 3, nei confronti dei partiti o movimenti politici inadempienti, l'applicazione della sanzione amministrativa pecuniaria da euro 12mila a euro 120mila, irrogata dalla Commissione per la trasparenza e il controllo dei rendiconti dei partiti e dei movimenti politici, di cui all'articolo 9, comma 3, della legge 6 luglio 2012, n. 96.

Gli obblighi del Comune 

Anche in questo caso la candidata D’Angelo è andata un po' troppo di fretta. Il Comune ha adempiuto (seppure last second) agli adempimenti caricando nella pagina “Elezioni trasparenti 2024” raggiungibile al link https://trasparenza.comune.aversa.ce.it/?page_id=753&voceamt=178 curricula (anche se mancano ancora quelli di numerosi candidati tra cui quelli dei componenti della lista ‘Il Basilisco’) e casellari. Mancano ancora, però, i programmi elettorali dei quattro candidati sindaco. Due giorni fa dagli uffici di piazza Municipio sono stati mandati in affissione i manifesti con i nomi di tutti i candidati. Poche ore dopo, però, è stato necessario correggere (con una fascetta) il nome di qualche candidato errato e la firma del manifesto. In basso a destra, infatti, a firmare c’era scritto “il sindaco Gerardina Basilicata”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Casallari e curricula dei candidati online tra denunce e smentite

CasertaNews è in caricamento