rotate-mobile
Martedì, 18 Giugno 2024
Attualità

Nervi tesi in campagna elettorale, scontro fra il Pd e l'ex consigliere

Botta e risposta social fra i dem, Siamo Capodrise e Salzillo

A Capodrise la campagna elettorale non è ancora entrata nella fase calda, ma clima e nervi sono già tesi in vista delle amministrative dell’8 e del 9 giugno. È scontro aperto tra il Pd e Giuseppe Salzillo, già consigliere e candidato nella lista Viva Capodrise che sostiene l’ex sindaco Vincenzo Negro, sfiduciato nel settembre 2023 dal gruppo Siamo Capodrise.

Tutto è iniziato una settimana fa, quando sulla pagina Facebook del Pd capodrisano è comparso un post a sfondo satirico, il quale paragonava Negro al personaggio cinematografico Cetto La Qualunque, con la scritta “…L’uomo solo al comando”. Due giorni fa, invece, la risposta di Salzillo sempre sullo stesso social, con la riproposizione di un vecchio manifesto elettorale dei primi anni 2000, firmato “Democratici di Sinistra” e simboleggiante uno spaventapasseri che all’epoca fu indirizzato a Nicola Russo Raucci, sindaco compianto e scomparso anni fa.

Nelle ultime ore è arrivata una dichiarazione all’unisono di Siamo Capodrise: “La vecchia politica si nasconde dietro il nuovo che avanza. Ripubblicare un manifesto di 20 anni fa, fuori dal tempo e fuori contesto, non fa onore a chi oggi si ripropone di rappresentare le istituzioni, dopo, peraltro, averne incarnato il fallimento. Nascondersi dietro a giovani sprovveduti per il gusto meschino di attaccare la memoria storica di un grande uomo come Nicola Russo Raucci denota una pochezza di contenuti e una scarsità umana che fa rabbrividire. Questo giovane candidato, Giuseppe Salzillo, ex consigliere comunale, che si presta, senza consapevolezza e amor proprio, al gioco di un ventriloquo non può rappresentare il nuovo che avanza, ma solo l’avanzo del vecchio. Di questo giovane-vecchio oggi stupiscono le “virtù” narrative, se paragonate ai silenzi nei consigli comunali, nei gruppi di maggioranza e all’assenza di proposte mai pervenute in questi anni di mandato. Su di lui appare evidente il fallimento del percorso formativo che ha intrapreso con delle pessime maestre. Ma è ancora in tempo per redimersi”.

Sul post di Salzillo si è espresso poi direttamente anche Donato Russo Raucci di Siamo Capodrise, figlio dell’ex primo cittadino: “È stato pubblicato un post da parte di un probabile candidato della lista Viva Capodrise. Pur condividendone il senso generale, ovvero un invito ad una campagna elettorale condotta senza alzare i toni ed abbassarne il livello, non comprendo la necessità di pubblicare una immagine che si riferisce a fatti accaduti circa 20 anni fa. Mi spiego: il gesto di pubblicare quella vecchia immagine sembra andare in senso contrario rispetto al contenuto delle parole. Inoltre, pur essendo certo dell'indipendenza intellettuale dell'autore del post, ma considerandone la giovanissima età, mi chiedo come l'autore stesso si sia procurato quell'immagine. Non ho parole”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nervi tesi in campagna elettorale, scontro fra il Pd e l'ex consigliere

CasertaNews è in caricamento