Infermieri, è guerra aperta. Presidente attaccato per il contagio da Covid. Mona: "Squallido"

I candidati della lista 'Infermieri in Cammino' (esclusi dal voto per carenza di documenti) tornano ad attaccare (scendendo sul piano personale e sanitario). "Ora faccio i nomi di questi colleghi..."

Gennaro Mona, presidente uscente dell'Ordine degli Infermieri

Le elezioni sono finite, ma la guerra tra gli infermieri sembra essere ancora lontana dal placarsi. E così, a 24 ore dall’annuncio del presidente uscente dell’Ordine di Caserta Gennaro Mona di essere positivo al Covid-19, la lista esclusa dal voto per la mancanza di documentazione, denominata ‘Infermieri in Cammino’, ha attaccato il collega proprio per la sua positività. “Apprendiamo da Gennaro Mona, che purtroppo, suo malgrado, lui, e forse altri consiglieri, si sono contaminati e positivizzati col Covid 19. Contaminazione, che è avvenuta proprio a ridosso delle elezioni OPI, che Mona ha organizzato in prima persona, e che ha tanto difeso davanti agli organismi Istituzionali locali e Nazionali, dichiarando che gli Infermieri sanno bene come proteggersi dal virus. Di questo ne siamo più che certi, peccato che dubitiamo proprio della perizia del presidente, visto quanto successo. Abbiamo avuto facile intuito, purtroppo, non ci voleva molto a capire il grave rischio che si correva a fare queste elezioni in quelle precarie condizioni. Avrebbero potuto, come noi chiedevamo, rinviare ad un altro momento e con modalità differenti (più seggi elettorali o voto online). Non ha voluto e non hanno voluto ascoltarci, a partire dal presidente e dal Sindaco della Città di Aversa, che nonostante l’enorme numero dei contagiati che si ritrova in città, ha fatto orecchie da mercante su queste elezioni, senza intervenire con pugno fermo e deciso. Altrettanto, ha fatto il Prefetto e le altre istituzioni interpellate. Tutti si sono ben guardati dall’intervenire, ed oggi siamo a qui a contare gli infermieri che si sono contagiati direttamente o indirettamente da queste elezioni”. 

Parole che hanno scatenato la reazione di Mona: "E’ vergognoso, ma doveroso, dover rispondere al recente ed ennesimo attacco alla mia persona da parte della lista ‘Infermieri in Cammino’, lista esclusa dalle ultime elezioni all’Opi per aver presentato al momento della candidatura documentazione inesatta. Ritengo innanzitutto giusto che la lista ‘Infermieri in Cammino’ sia identificata, perché non parla a nome di tutti gli iscritti all’ordine, ma soltanto di 32 persone su 7000. Aver fatto circolare a nome della lista, la mia positività al Covid, ed averla artatamente attribuita alle elezioni, vuol dire che 32 persone, 32 infermieri per l’esattezza, sono responsabili di quanto diffuso a nome della lista di cui fanno parte. I candidati, esclusi dalle ultime elezioni, rispondono ai nomi di Franco Crisci, Marco Natale, Raffaele Ciaramella, Antonietta Mastropietro, Angelo Giaquinto, Vincenzo Golino, Luigi Di Giovanni, Lucio Rotunno, Vincenzo Cioffi, Antonio Caliendo, Luigi Maccarone, Carlo Sciarretta, Maria Pia Romano, Annamaria Cardinale e Francesco Crisci. A loro si aggiungono i candidati alla commissione Rosa De Simone, Amalia Della Rosa, Lorenzo Guida, Annarita Iannotta, Maristella D’Abronzo, Pietro Marra, Lorenzo Gaglione, Giancarlo Menale, Guido Alfano; ed ancora gli infermieri pediatri candidati Rosaria Cangiano, Mariarosaria Cerbone, Rossana Crispino, Patrizia De Ninno e Anna Chirico. Vanno aggiunti per completezza i candidati a revisori dei conti: Salvatore Allocca, Pasquale Folgieri e Fabio Gentile”

“Ai 32, non risponde la lista ‘Noi Infermieri’, ma Gennaro Mona in persona, nella qualità di presidente uscente e prima di tutto di infermiere contagiato dal Coronavirus” continua la nota: “E’ squallido aver ripreso una sola parte della nota Facebook che il sottoscritto ha diramato per rendere nota la sua positività. Quel post sul social più seguito  soprattutto dai giovani, aveva l’unico obiettivo, che dovrebbe essere insito ad un qualsiasi operatore delle professioni sanitarie, di mettere in allerta sulla pericolosità del Covid. Non si è fatta menzione, nell’intervento della lista Infermieri in Cammino, al fatto che io stesso affermavo di non aver partecipato alle elezioni, proprio perché sospettavo il contagio, e lo sospettavo perché ho dubitato di un incontro avuto nei giorni precedenti che nulla a che fare con le elezioni ed in seguito al quale mi sono immediatamente ritirato. E’ squallido che 32 infermieri, che per professione dovrebbero essere superiori ad una bega politica, abbiano invece sottoscritto un comunicato che sfrutta il contagio al virus di una persona per dimostrare l’indimostrabile. A tutti voi dico e grido, nonostante il Covid mi dia poca voce in questo momento: “Cari colleghi non vi fa onore, ma anzi disonora un’intera categoria, l’aver tentato di sfruttare la malattia di una persona (peraltro Vostro collega), per avere l’ultima parola su una querelle che vi ha bocciato in ogni dove (voi stessi ammettete che anche la prefettura non ha intesto dar seguito alle vostre richieste)”. Devo ammetterlo, come presidente uscente dell’ordine non voglio e non posso esprimermi, ma come persona (contagiata dal virus che tutti combattiamo in questo momento), mi vergogno di voi che state infangando un’intera categoria soltanto perché esclusi da una tornata elettorale”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un casertano 'firma' la nuova stazione della metro di New York

  • E' ufficiale: Campania in zona gialla. Confermate le restrizioni per il week-end

  • Giovanni a 6 anni debutta su Rai 1 nella fiction ‘Mina Settembre’

  • Blitz di Luca Abete, scoperta scuola che offre punteggio ai prof in cambio di soldi I VIDEO

  • Muore improvvisamente ed i carabinieri scoprono la casa a luci rosse

  • Caserta perde un pezzo di storia, "Dischi Sgueglia" chiude dopo 65 anni

Torna su
CasertaNews è in caricamento