Dissesto bis, i commissari concedono un altro mese ai creditori

Altri 30 giorni di tempo per poter chiedere di essere ammessi alla massa passiva

Due mesi di tempo non sono bastati. I commissari liquidatori del Comune di Caserta (Marcello Cosconati, Fabrizio Orano e Massimo Cassano) hanno deciso di concedere una proroga di altri 30 giorni ai ‘creditori’ degli uffici di piazza Vanvintelli per poter avanzare la richiesta di essere ammessi alla massa passiva dell’Ente che dovrà essere gestita e liquidata dalla commissione nominata dopo la deliberazione del secondo dissesto finanziario da parte dell’amministrazione comunale retta dal sindaco Carlo Marino. I commissari hanno infatti deciso di prorogare fino al 15 dicembre prossimo il termine ultimo per la presentazione delle domande.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lieve aumento dei contagi nel casertano: ecco i comuni più colpiti della seconda ondata

  • Scuole, il 24 e 25 settembre sarà sciopero: si teme nuovo rinvio dell'apertura

  • Una settimana tra pioggia ed afa: ecco le previsioni nel casertano

  • Record di nuovi contagi nel casertano: mai così tanti in un giorno

  • Movida violenta a Caserta: 2 risse e 3 ragazzini feriti

  • I contagi aumentano ancora. Caserta supera Aversa: è la città con più positivi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CasertaNews è in caricamento