Martedì, 15 Giugno 2021
Attualità

Mastroianni polemizza dopo l’addio al sindaco e litiga con l’assessore

Il leader provinciale della Lega attacca l'amministrazione per i disagi provocati dall'intensa pioggia. Petrella replica: "E' incoerente"

Salvatore Mastroianni e Francesco Petrella litigano per i disagi provocati dal maltempo

Anche un 'semplice' maltempo riesce a far litigare gli esponenti politici del casertano. E' il caso del consigliere comunale di Santa Maria Capua Vetere Salvatore Mastroianni e dell'assessore Francesco Petrella protagonisti di un acceso 'botta e risposta' sui disagi provocati dalla bomba d'acqua che si è abbattuta sulla provincia. 

Il coordinatore provinciale della Lega, Salvatore Mastroianni, fresco dell'addio al sindaco Antonio Mirra, ha polemizzato contro l'amministrazione comunale: "Dopo una sola ora di pioggia situazione indecente e surreale nella zona della stazione ferroviaria - ha scritto sui social con tanto di foto-segnalazione - Forse si dovrebbero fare meno foto promozionali e più fatti concreti in città".

Al post di Mastroianni non si è fatta attendere la replica dell'assessore Petrella che ha dichiarato: "Mi sorprende constatare con quale velocità e incoerenza politica il consigliere leghista Salvatore Mastroianni abbia divulgato le foto della zona antistante la stazione, criticando aspramente la maggioranza consiliare per i disagi che in questo contesto sono stati arrecati ai cittadini a causa della intensa pioggia caduta. Forse il consigliere Mastroianni dimentica che fa ancora parte di quella maggioranza che oggi attacca duramente, dimentica che appena qualche giorno fa ha votato favorevolmente il bilancio e dimentica ancora di avere un assessore in maggioranza. Mi sono mosso in prima persona e in pochi minuti, grazie alla collaborazione dei cittadini e lo straordinario lavoro dei giardinieri, abbiamo risolto".

Sulla questione sono intervenute anche le associazioni e i gruppi politici che si identificano nel progetto “Alleanza per la città”, guidato da Raffaele Aveta: "È bastata una pioggia per far saltare i tombini di diverse strade (tra cui via Fardella, via Ricciardi, via Vittorio Emanuele, via Cumana e via Grandi), impedendo a tanti sammaritani di uscire dalle proprie abitazioni e facendoli vivere in una condizione di estremo disagio. Servono i fatti e non le chiacchiere. Da anni queste strade sono interessate da fenomeni di allagamento in quanto mancano adeguati programmi di manutenzione".

“Siamo stanchi di veder amministrare la cosa pubblica in questo modo - ha aggiunto Raffaele Aveta - I cittadini meritano rispetto. Anziché descrivere Santa Maria come la città dei sogni, gli amministratori locali si occupassero di risolvere le tante e solite criticità che interessano la nostra città. Abbiamo assistito a tante chiacchiere in questi anni, ma i fatti ci raccontano tutt’altro. Strade dissestate, degrado ovunque, zero opere pubbliche, ospedale morente, zero aree dog, zero centri ricreativi per gli anziani, zero sicurezza in città, degrado del centro storico. E chi ne ha più ne metta!”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mastroianni polemizza dopo l’addio al sindaco e litiga con l’assessore

CasertaNews è in caricamento