Attualità

Tre consiglieri di opposizione chiedono al sindaco di istituire il disability manager

Al prossimo Consiglio sarà presentata la proposta, il gruppo 'Bene Comune' all'attacco dopo il protocollo di intesa firmato da Anci Campania e garante regionale dei disabili

La consigliera comunale Marilena Mone

“La stipula tra Anci Campania e il garante dei diritti delle persone con disabilità della Regione Campania di un importante protocollo di intesa per avviare iniziative, progetti e programmi di collaborazione sui temi e sugli ambiti di interesse dei diversamente abili, conferma la validità della nostra mozione per istituire il disability manager nella città di Caiazzo e deve far riflettere molto il sindaco Stefano Giaquinto e la sua maggioranza sull’ostruzionismo sin qui mostrato verso tale figura di garanzia”. A dichiararlo sono i consiglieri del gruppo "Caiazzo Bene Comune", Michele Ruggieri, Marilena Mone e Mauro Carmine Della Rocca, all’indomani del documento d’intenti a livello regionale per la promozione e la tutela per le persone con disabilità temporanea o permanente, l’informazione e la formazione omogenea sul territorio nazionale, degli operatori della pubblica amministrazione, l’uguale riconoscimento davanti alla legge e l’accesso alla giustizia e, infine, l’accessibilità universale.

“A Caiazzo è da settembre 2019 che in consiglio comunale, per espressa volontà di Giaquinto e della sua maggioranza, viene rimandata l’approvazione della nostra mozione, predisposta dalla consigliera Marilena Mone che impegna il sindaco e la giunta a predisporre iniziative volte ad istituire la figura del disability manager. Le motivazioni addotte dalla maggioranza di Giaquinto per rinviare ogni volta l’argomento sono davvero curiose e risibili. Eppure, di una figura che lavori a titolo gratuito, ce ne sarebbe davvero bisogno in città, viste le tante barriere architettoniche che campeggiano ovunque (vedi rione Garibaldi, parcheggio multipiano con l'ascensore mai messo in funzione e chiuso da una tamponatura in legno, ecc...)”, continuano i rappresentanti dell’opposizione.

“Mentre a Caiazzo si indaga sul sesso degli angeli con piglio da Azzeccagarbugli di manzoniana memoria, insomma, Anci Campania e garante regionale lavorano insieme per diffondere e potenziare figure di garanzia per i disabili che, però, si sa nella nostra città non contano e sono invisibili tranne che per qualche selfie e comparsata di facciata”, concludono Ruggieri, Mone e Della Rocca che porteranno una loro proposta nel prossimo consiglio comunale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tre consiglieri di opposizione chiedono al sindaco di istituire il disability manager

CasertaNews è in caricamento