Martedì, 18 Maggio 2021
Attualità

Nessuna fumata bianca per il sindaco dopo il ritiro delle dimissioni: "Si vada alle urne"

I tre consiglieri di opposizione tornano all'attacco e chiedono chiarezza: "Branco dica con lealtà che non esiste una maggioranza"

Il consigliere comunale Angelo Di Rienzo

"Basta con le farse". I consiglieri comunali di opposizione Angelo Di Rienzo, Melina Ragozzino e Annarita Vegliante tornano all'attacco contro il sindaco di Capua Luca Branco, che da alcuni giorni ha ritirato le dimissioni ma non ha ancora motivato, soprattutto alla città e a coloro che lo hanno votato, questa sua decisione.

"Ancora una settimana di silenzio assordante del sindaco e di quel che resta della sua fallimentare amministrazione - affermano i tre consiglieri - Un’altra settimana di incontri segreti, trattative inconfessabili, minacce e pseudo verifiche politiche, ma nessun risultato: niente. Nessuna fumata bianca e nemmeno è dato sapere se ci sarà una fumata. A 20 giorni dalle dimissioni del sindaco le certezze sono molto poche, ma ampiamente chiare per far capire a tutti che: non esiste la maggioranza politica a guida Pd (mai esistita secondo noi) come certificato anche da eminenti ed ascoltate menti del centrosinistra cittadino; il 'casus belli' della crisi si è rivelato essere quello da noi denunciato da mesi e cioè una volgare compravendita di poltrone che allo stato non trova soluzioni; la credibilità del sindaco è ormai sotto zero. La città non crede più nel sindaco e nella maggioranza uscita dalle urne".

"Il sindaco dica con lealtà se può amministrare e con chi, oppure non si sottragga alle proprie responsabilità dimettendosi (seriamente) e si vada alle urne in autunno - aggiungono - A questo punto un commissario prefettizio sarebbe il male minore, la soluzione più efficace, non dimentichiamo che l’attuale percorso del Puc (Piano urbanistico comunale) è stato avviato delle procedure messe in essere dal commissario prefettizio Ilaria Tortelli, che insediatasi ad ottobre 2018 in soli tre mesi, a gennaio del 2019 dava avvio alle consultazioni con i soggetti pubblici e privati della città. Nei due anni di amministrazione Branco invece, è stato fatto solo un piccolo passettino avanti, con l’adozione del preliminare di Piano e solo a seguito delle tante sollecitazioni, anche con nostre interrogazioni consiliari urgenti".

"La situazione attuale impone senso di responsabilità a tutte le forze presenti in consiglio comunale e pertanto chiediamo che il sindaco convochi un consiglio comunale urgente per chiarire se c’è ancora un sindaco, una maggioranza consiliare che lo sostiene ed una giunta al servizio della città. In alternativa si vada alle urne", concludono Di Rienzo, Ragozzino e Vegliante.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nessuna fumata bianca per il sindaco dopo il ritiro delle dimissioni: "Si vada alle urne"

CasertaNews è in caricamento