Il giallo delle dimissioni dalla Protezione civile, l'ex coordinatore svela: "Ecco cosa ha fatto il sindaco"

Costanzo: "Prima ha cambiato le chiavi del Comune senza avvisarci, poi ci ha minacciati dopo il rifiuto di collaborare ad una festa privata di un suo consigliere..."

I volontari della Protezione civile di Trentola

La riattivazione della ‘nuova Protezione civile’ a Trentola Ducenta ha portato un po’ di malumori, soprattutto in coloro che dopo l’elezione del sindaco Andrea Sagliocco sono stati ‘costretti’ a dare “strane dimissioni”.

A cercare di fare chiarezza, o comunque dando la propria versione dei fatti, è l’ex coordinatore Michele Costanzo che quindi ‘svela’ il perché di queste ‘strane dimissioni’ rivolgendosi direttamente al capo dell’esecutivo: “La prima cosa che ha fatto Sagliocco è stata quella di cambiare le chiave del Comune nonostante avesse cose ben più importanti da fare – dice Costanzo – dimenticando, o forse facendolo di proposito, che nella casa comunale ci fosse la sede operativa della Protezione civile che in mancanza di queste chiavi non avrebbe potuto più svolgere i compiti che gli spettano nel caso il comune fosse chiuso come il controllo di comunicazioni da e per Regione Campania; addestramento volontari; aggregazione volontari; intervento in caso di emergenza; uscita automezzi, previsione e prevenzione”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E pensare che nonostante vari solleciti “nelle settimane seguenti siamo stati completamente ignorati dal sindaco e da tutto il suo staff, che ci ha tenuto in considerazione solo per annaffiare le piante e per farci portare le nostre attrezzature (panche e tavoli) per le varie feste private, autorizzate da Sagliocco: compiti che non spettano ai volontari e che di conseguenza ci siamo rifiutati di svolgere. In passato abbiamo svolto servizi simili, ma dopo le restrizioni dateci dal Dipartimento di protezione civile (D.L.gs. n 1/2018) ci siamo dedicati alla formazione per i vari scenari di emergenza che potrebbero colpire il nostro territorio e al piano comunale di emergenza redatto in collaborazione con i Commissari prefettizi. Ciò che ci ha portato in ultimo alle dimissioni è stata la minaccia (è la versione di Costanzo, Sagliocco qualora voglia potrà sempre replicare) da parte del sindaco di una denuncia ai carabinieri per esserci rifiutati di svolgere servizio durante la festa privata di un suo consigliere. Ciò denota una completa non conoscenza dei compiti della Protezione Civile da parte del primo cittadino e delle persone che la circondano. Ecco quindi il perché delle ‘strane dimissioni’ mie e degli ex volontari che ho avuto l’onore di rappresentare per ben 8 anni”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz all'alba: 38 arresti. Fiumi di coca, marijuana ed hashish 'coperto' da vedette TUTTI I NOMI

  • Il coprifuoco di De Luca: stop agli spostamenti fra le province, attività chiuse dalle 23

  • Nuovo record di contagi in un giorno: 321 nuovi casi e 2 morti

  • Il Covid colpisce ancora: 187 nuovi positivi nel casertano

  • “Scuole riaperte da mercoledì”, ma De Luca spegne l’entusiasmo

  • Oltre 500 positivi e 3 morti in 48 ore: cresce l’allerta Covid nel casertano

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CasertaNews è in caricamento