rotate-mobile
Venerdì, 30 Settembre 2022
Attualità Mondragone

Giallo in Comune: la diffida del prefetto ai consiglieri dopo 9 giorni

La notifica solo dopo che sono stati consegnati gli atti del Consuntivo

Oggi i consiglieri comunali di Mondragone hanno ricevuto la diffida, inviata dal Prefetto di Caserta Raffaele Ruberto al Comune e firmata lo scorso 4 maggio 2018, per la mancata approvazione da parte dell’amministrazione comunale guidata dal sindaco Virgilio Pacifico del Consuntivo entro il termine perentorio dello scorso 30 aprile 2018.

In questo caso è avvenuta però una “particolarità” rilevante nella procedura di notifica utilizzata. Si è infatti attesa la tarda mattinata di martedì per l’invio degli atti del bilancio all’intero consiglio comunale, e soltanto oggi è stata portata a conoscenza degli stessi consiglieri la diffida del prefetto per far decorrere i venti giorni in tempo utile per approvare il rendiconto, senza far sciogliere l’amministrazione comunale.

La diffida del prefetto Ruberto al Comune di Mondragone è giunta invece il 7 maggio, ovvero nove giorni prima della notifica ai consiglieri. Altra “stranezza” è che gli atti del bilancio e la stessa diffida non siano stati inviati ai consiglieri comunale dal presidente del Consiglio Claudio Petrella, come avviene solitamente, bensì dalla segretaria comunale Antonia Elia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giallo in Comune: la diffida del prefetto ai consiglieri dopo 9 giorni

CasertaNews è in caricamento