rotate-mobile
Attualità Parete

Carta igienica 'razionata' per i bambini delle Elementari

La denuncia dei genitori degli alunni di Parete raccolta dalla consigliera Martino

“Uno strappo di carta igienica per fare la pipì, e 2 per fare la cacca”: è questa la rivelazione choc di un genitore di un alunno della scuola elementare di via Forno a Parete. A raccogliere la denuncia la consigliera comunale ‘indipendente’ Luigia Martino che rivela che “già altri genitori avevano denunciato questi abominevoli episodi”.

A ‘gestire’ i bagni e quindi i ‘bisogni’ dei giovanissimi alunni della scuola elementare ci sarebbe un collaboratore scolastico, al quale tutti i bambini sono obbligati a chiedere appunto della carta igienica per poter andare semplicemente in bagno. Una vicenda assurda che rischierebbe di avere anche dei risvolti penali e sulla quale la consigliere Martino vuole vederci chiaro: “Chiederò al dirigente scolastico che si faccia chiarezza sull’accaduto”.

Sì perché alcuni genitori hanno manifestato la propria rabbia per questa che sembra “la normalità da qualche mese” e sembra che siano stati avvisati anche gli uffici comunali. La responsabilità all’interno della scuola è del dirigente scolastico che deve provvedere all’acquisto di suppellettili, e anche della carta igienica necessaria per il bisogno degli alunni. Di certo non si può mettere un limite agli ‘strappi’ e quindi la Martino passa all’attacco: “Sembra di tornare indietro alla preistoria, spero che anche dal Comune facciano qualcosa e chiedano spiegazioni. Mi rivolto al delegato alla Pubblica Istruzione affinché si faccia portavoce di questo malumore dei genitori”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Carta igienica 'razionata' per i bambini delle Elementari

CasertaNews è in caricamento