rotate-mobile
Domenica, 3 Luglio 2022
Attualità Prata Sannita

Comune non paga azienda e viene 'bacchettato' dal Tar

Disposta la nomina di un commissario ad acta: il pagamento dovrà avvenire entro 60 giorni

Il Tar della Campania (sezione Seconda) ha accolto il ricorso presentato da Officine Gestioni Servizi Legali contro il Comune di Prata Sannita (che risulta non costituito in giudizio). Il ricorrente ha ottenuto che si ottemperasse al decreto ingiuntivo emesso dal Tribunale di Santa Maria Capua Vetere (Sezione Distaccata di Piedimonte Matese) per la somma di 58.245,45 euro oltre agli interessi che la società vantava. Per il giudice "il decreto ingiuntivo risulta ritualmente notificato ai fini del decorso del termine per presentare opposizione, è stato dichiarato esecutivo ed è stato, in seguito, nuovamente notificato ai fini del decorso del termine di 120 giorni". E quindi si procede "sin d’ora, come da richiesta di parte, alla nomina di un commissario ad acta, nella persona del Prefetto di Caserta o di altro funzionario all’uopo delegato, il quale, entro l’ulteriore termine di sessanta giorni dalla comunicazione dell’inottemperanza (a cura di parte ricorrente), darà corso al pagamento compiendo tutti gli atti necessari, comprese le eventuali modifiche di bilancio, a carico e spese dell’amministrazione inadempiente".

L'Ente comunale di Pratella è stato inoltre condannato al pagamento delle spese di giudizio liquidate in 1000 euro. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Comune non paga azienda e viene 'bacchettato' dal Tar

CasertaNews è in caricamento