De Luca: "Mascherine facoltative in strada. Nuovi posti letto negli ospedali"

Il governatore replica a Salvini: "Asino politico che ha ricominciato a ragliare"

Il governatore De Luca

Poche novità sostanziali e molte frecciatine a Salvini ed agli avversari politici in generale. E' quanto andato in onda, sul solito canale social, da parte del governatore Vincenzo De Luca che ha occupato gran parte del suo intervento a rispondere a Matteo Salvini, sulla questione degli assembramenti dopo la partita Napoli-Juventus, e discutere sull'utilità ed i benefici degli Stati Generali di Villa Pamphili. 

Via l'obbligo della mascherina

Partiamo dalle novità, che ci interessano maggiormente. De Luca ha di fatto ufficializzato la revoca, a partire da lunedì 22 maggio, dell'obbligo dell'uso della mascherina all'aperto che sarà, quindi, facoltativo. "Ognuno dovrà portarsi la mascherina ed indossarla nei locali chiusi ma anche se si determinano assembramenti pericolosi", ha detto il governatore.

I posti negli ospedali

Poi il piano ospedaliero presentato al governo e rimodulato sulla base delle indicazioni arrivate da Roma in vista di una possibile ripresa dei contagi in autunno. "Avremo 837 posti di terapia intensiva, raddoppiamo quasi; 406 semintensiva. Ci saranno reparti o ospedali dedicati al Covid in modo da non avere nessun problema per le attività ospedaliere ordinarie. In previsione di peggioramenti della situazione epidemica ci siamo riservati 1100 posti dedicati al Covid. Ci stiamo preparando rispetto all'ipotesi pessimistica che arriva dai virologi. Tutti ci auguriamo che non ci sia una ripresa ma l'importante è essere pronti", ha detto De Luca.

La replica a Salvini

Gran parte dell'intervento, però, è stato dedicato a replicare a distanza alla polemica innescata dal leader della Lega Matteo Salvini sugli assembramenti di piazza per i festeggiamenti per la vittoria della Coppa Italia da parte del Napoli. "Dobbiamo dedicare qualche nostro pensiero a un somaro politico che ha ripreso a ragliare - ha detto De Luca - I commenti fatti dopo la festa per la vittoria della Coppa Italia portano alla luce la propensione sotterranea allo sciacallaggio, persino al razzismo nei confronti di Napoli, della Campania, del Sud. Verso mezzanotte i tifosi hanno manifestato la propria gioia – ha sottolineato -, un episodio che sarebbe successo ovunque, in Italia e nel mondo. In altre città del paese, penso a Torino, in occasione di una partita della Juve ci sono stati morti e feriti in piazza. A Milano avremmo avuto l'ira di Dio. Movida ovunque, anche a Vicenza. Siccome è successo a Napoli il cafone ha ritenuto di fare commenti. Bene, io credo che quel cafone politico abbia dimostrato di essere tre volte somaro, non una volta sola. Primo perché se uno organizza il 3 giugno a Roma una manifestazione in violazione di tutte le norme anti assembramento, e non è un tifoso ma un rappresentante politico, con al suo fianco la vispa Teresa, e poi si permette di aprire bocca ha la faccia come il fondoschiena. Secondo motivo di ciucciaria: si fa un assembramento notturno e l'equino domanda al Presidente della Regione: 'che dici'? Ricordo che l'obbligo di garantire rispetto le norme nazionali riguarda il Ministero dell'Interno e il Prefetto. Siamo davanti a atti di sciacallaggio. Se noi avessimo adottato lo stesso criterio di strumentalità – ha proseguito De Luca - , avremmo dovuto dire parole di fuoco nei confronti di realtà del Nord, di altri sistemi sanitari in cui si sono registrati morti a migliaia. La Lombardia ha avuto 20 volte i nostri contagi. Sulla base di questi dati avremmo scatenato campagna di aggressone mediatica. Ma noi a differenza del Neanderthal siamo persone civili e ribadiamo solidarietà alle persone del Nord Italia che hanno sofferto".

Gli Stati Generali

De Luca ha infine parlato degli Stati Generali che a suo avviso non porteranno a nessun beneficio: "Sembra di assistere alla sessione conclusiva del Concilio di Nicea". Al riguardo, mostrando ancora soddisfazione per il piano economico della Campania per fronteggiare l'emergenza Covid, "potremmo dare indicazioni anche al governo nazionale impegnato nei famosi Stati Generali. Potrmmo fare un piano per il lavoro per i giovani del sud: l'ho proposto 3 anni fa. Abbiamo dimostrato che si può fare. Altrimenti cosa dovrebbero fare questi Stati Generali. Serve un piano di governo per il Sud: lavoro con concorsi nella pubblica amministrazione, agevolazioni fiscali per chi viene ad investire nel Sud. Altra tematica: la sburocratizzazione. Ne parliamo da decenni. Comparto scuola, università, formazione. Il Reddito di Cittadinanza ci costa quanto l'Università. Dobbiamo tenere in piedi misure di sostegno al reddito e alle povertà ma dobbiamo ragionare con rigore ed evitare di sprecare miliardi dando i contributi a qualche camorrista e riversando risorse sul sistema scolastico ed universitario", ha detto De Luca. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • SPECIALE REGIONALI E' ufficiale: Grimaldi eletto. Nel nuovo consiglio regionale ben 5 uscenti

  • SPECIALE MARCIANISE Abbate sfiora i 9mila voti, Velardi a contatto. Alessandro Tartaglione all11%

  • SPECIALE MARCIANISE Moretta super con 1164 preferenze: cinque donne tra i candidati più votati

  • Maresciallo dei carabinieri investito e ucciso mentre fa jogging: arrestato 21enne

  • SPECIALE SANTA MARIA A VICO Tutti i voti e i nuovi consiglieri comunali

  • I contagi aumentano ancora. Caserta supera Aversa: è la città con più positivi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CasertaNews è in caricamento