rotate-mobile
Attualità

"Stato di calamità naturale per i danni del nubifragio nel casertano"

La richiesta di Zinzi alla Regione: aziende sommerse dall'acqua e coltivazioni cancellate

Il consigliere regionale di Caserta Gianpiero Zinzi ha protocollato un'interrogazione indirizzata al Presidente della Giunta, Vincenzo De Luca, avente ad oggetto “Gravi effetti indotti dagli eventi piovosi del 16 e 17 novembre 2019 in provincia di Caserta”.

L'interrogazione muove dalla straordinaria ondata di maltempo (guarda il video delle aziende sommerse dall'acqua) che ha interessato tutto il territorio determinando ingenti danni soprattutto al comparto tabacchicolo e quello degli allevamenti bufalini. L'acqua ha invaso e distrutto le colture orticole in pieno campo, distruggendo le scorte di fieno, paglia ed erba medica destinate all'alimentazione dei capi di bestiame, in particolare bufalini, mentre il vento forte ha scoperchiato i tetti delle stalle, abbattuto alberi e divelto recinzioni.

Allagamenti e disagi si sono verificati nell’Agro Caleno e in particolare nel Comune di Francolise dove gli abitanti sono rimasti bloccati nelle loro abitazioni a causa dell’allagamento di strade e campi e dello straripamento dei due corsi d’acqua che circondano la frazione di Ciamprisco. Gravi danni anche tra Villa Literno e Castel Volturno.

“La Regione Campania – ha dichiarato Zinzi - presenti richiesta di stato di calamità naturale per i Comuni maggiormente coinvolti dagli eventi piovosi dei giorni scorsi. In questo momento di difficoltà è oltremodo necessario supportare i sindaci per eventuali interventi urgenti e fornire un sostegno concreto ai cittadini che subiscono danni e disagi”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Stato di calamità naturale per i danni del nubifragio nel casertano"

CasertaNews è in caricamento