rotate-mobile
Attualità

Conta dei danni per negozi e ristoranti dopo il maltempo. Problemi anche alla De Amicis. “Servono più controlli”

Nella scuola chiusa per gli allagamenti nuovi problemi. Vignola e Fusco: “Rotazione del Rup e collaborazione con professionisti casertani”

Il maltempo ha fatto danni anche nelle scuole di Caserta.

Questa mattina da diversi istituti sono partite richieste di verifiche agli uffici comunali da parte di dirigenti scolastici preoccupati per le conseguenze che la bomba d’acqua ha avuto sulle strutture. Problemi sono stati evidenziati anche alla scuola elementare De Amicis di corso Giannone, al momento ancora chiusa per i lavori al tetto dopo i crolli che vi sono stati negli anni scorsi e che hanno spinto anche la Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere ad aprire un’indagine. Il cantiere, in realtà, dovrebbe andare verso la conclusione nelle prossime settimane, ma pare che vi siano stati ulteriori allagamenti al piano superiore.

Intanto a Caserta monta la polemica per i danni che il maltempo ha provocato a tante attività commerciale, soprattutto nel centro storico. Pizzerie, ristorante e negozi fronte strada sono stati letteralmente invasi dall’acqua, con danni importanti. “Gli eventi verificatisi a Caserta nella giornata di martedì potrebbero definirsi comici o grotteschi se non fossero tragici” hanno commentato i consiglieri comunali Romolo Vignola e Dino Fusco. “Al fine di evitare di incorrere in una facile ma sterile critica utile solo ai fini propagandistici è necessario indicare soluzioni. La sistemazione delle strade, la manutenzione del sistema fognario e la gestione del verde pubblico sono delle priorità che investono la vita dei cittadini casertani. È evidente, secondo noi, che il sistema dei controlli sullo svolgimento delle attività e delle opere pubbliche non funzioni da diversi anni  In sostanza i continui rifacimenti del manto stradale e la pulizia di tombini e caditoie, peraltro eseguite di recente, non siano state svolte a regola d'arte dalle ditte incaricate e che per incompetenza o colpevole inerzia non vengano svolti i doverosi controlli e le relative contestazioni con le conseguenti penalità nei confronti dei soggetti affidatari dei lavori”.

Per questo i 2 consiglieri chiedono “innanzitutto di ispirarsi ad un criterio di rotazione nella nomina del Rup per evitare sia una eccessiva concentrazione di potere che un impegno quasi impossibile da assolvere in molteplici questioni e al contempo avvalersi del contributo di professionisti casertani da scegliere in base alle rispettive competenze e con assoluta trasparenza che possano supportare l’amministrazione comunale nell’affrontare le tre priorità evidenziate. Auspichiamo che la nostra modesta ma fattiva e sincera riflessione possa essere colta per non rinviare ulteriormente la soluzione di problemi che pesano quotidianamente sulla cittadinanza”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Conta dei danni per negozi e ristoranti dopo il maltempo. Problemi anche alla De Amicis. “Servono più controlli”

CasertaNews è in caricamento