menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Don Maurizio Patriciello

Don Maurizio Patriciello

I Cavalieri del Santo Sepolcro di Gerusalemme da don Patriciello

Durante la celebrazione sono state rinnovate le promesse dei Cavalieri verso la Terra Santa con la lettura della Preghiera del Cavaliere nel nome del Beato dell’Ordine Bartolo Longo

I Cavalieri del Santo Sepolcro di Gerusalemme della Sezione Napoli e Terra di Lavoro della Campania si sono ritrovati oggi nella Chiesa di San Paolo al Parco Verde a Caivano. L’evento - alla presenza del Preside Sezionale dell’Ordine, l’avvocato Raffaele Crisileo e dei Cavalieri della Sezione e di tutte le delegazioni dipendenti - si inserisce nel quadro del loro cammino itinerante per diffondere, a tutti i livelli, il messaggio della Terra Santa e dei cristiani che vivono li,in quei territori contesi, in condizioni di vero martirio e di grande sofferenza.

I Cavalieri sono stati accolti con entuasiasmo dal Parroco della Chiesa San Paolo al Parco Verde in Caivano, Padre Maurizio Patriciello, che ha celebrato la Messa e che, in una pregnante omelia, ha parlato a lungo della carita’ cristiana. Durante la Celebrazione sono state rinnovate le promesse dei Cavalieri verso la Terra Santa con la lettura della Preghiera del Cavaliere nel nome del Beato dell’Ordine Bartolo Longo.

Padre Maurizio Pratriciello - nel suo incontro formativo e liturgico con la nutrita rappresentanza Sezionale Campana dell’Ordine - evento formativo che ha preceduto la Santa Messa - ha tenuto una toccante testimonianza . Testimonianza che ha tenuto acceso l’attenzione non solo dei Cavalieri Crociati presenti ma della gremitissima Parrocchia. Padre Maurizio ha raccontato che, dopo che si era allontanato dalla Chiesa cattolica, quando aveva trentanni, grazie ad un frate francescano, incontrato per caso, decise di entrare nel seminario diocesano cosi abbandonando il suo lavoro e la sua professione di infermiere in un grosso nosocomio napoletano. Divenne sacerdote e ordinato ministro di Dio e poi venne nominato parroco al Parco Verde di Caivano, difficile e affollatissima cittadina posta ai confini tra il Napoletano ed il Casertano, nel pieno epicentro e cuore pulsante della nota Terra dei fuochi dove si contano diverse e diverse piazze di spaccio della droga e che e’ sempre stato un quartiere estremamente povero, affossato dalla miseria, ma dove deve predominare la grazia. Una chiesa gremita di persone - e non solo del posto - lo hanno ascoltato con massima attenzione partecipando alla suggestiva cerimonia religiosa ed all’Eucarestia domenicale.

Un’attestazione di benemerenza della Sezione Napoli - Terra di Lavoro dell’Ordine tributata a Padre Maurizio Patriciello. Una targa d’argento incastonata in un quadro a rilievo e’ stata consegnata, nel corso del’evento liturgico, di oggi a Padre Maurizio a riconoscimento della sua costante opera di diffusione del Cristianesimo, per la sua quotidiana testimonianza dei valori del Vangelo, per la sua continua vicinanza agli ultimi ed ai bisognosi in una realta’ particolarmente qual e’ la sua. Il tutto suggellato in un fraterno abbraccio tra il religioso e il preside dell’Ordine Raffaele Crisileo. Un riconoscimento anche ad un laico : al comandante pilota Emilio Rossi per la sua opera, nella sua vita professionale, ricca di cristiana testimonianza. Una targa di benemerenza e’ stata tributata, nel corso dell’evento celebrativo, come e’ tradizione da tempo che si ripete con cadenza annuale, anche ad un laico particolarmente vicino all’Ordine, ai suoi valori ed alle sue finalita’. Il riconoscimento e’ stato dato al dott. Emilio Rossi, colonnello comandante casertano e pilota dell’Aeronautica Militare, gia’ capo della Base di Rivolto, Esperto in Operazioni Mlitari, Relazioni Internazionali, in Valutazioni di Sicurezza. Di recente addetto militare presso l’ambasciata in Nigeria dove ha potuto al meglio realizzare anche la sua opera di solidarieta’ verso i popoli del terzo mondo dove ha avuto modo di lavorare. Un premio ed un tributo quindi per la sua continua e costante testimonianza nei luoghi di servizio piu’ lontani e disparati esteri nella sua brillante attivita’ professionale per il rafforzamento dei valori cristiani e per la sua vicinanza alle persone in difficolta’. Il premio gli sara’ consegnato dal cav. Damiano Prezioso, decano dell’Ordine.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

'AstraDay', 24 ore di vaccino per tutti a Caserta: ecco come prenotarsi

Attualità

'AstraDay', il sito dell'Asl va subito in tilt per migliaia di accessi

social

Gomorra 5, riprese nel Casertano: fan in delirio

Attualità

La Brigata dei vaccini festeggia le 100mila dosi in 2 mesi | FOTO

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento