De Luca rompe il silenzio sull'indagine per gli ospedali Covid: "Da noi si aspettano solo camorra e caos"

Il presidente della Regione: "Si facciano tutti i controlli di legalità, ma noi saremo sempre un modello di efficienza, trasparenza e correttezza"

Il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca

Dopo giorni di silenzio, il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca ha deciso di affrontare la delicata vicenda dell’indagine aperta dalla Procura della Repubblica di Napoli sulla realizzazione degli ospedali modulari di Caserta, Napoli e Salerno con quattro persone che sono attualmente iscritte nel registro degli indagati. Il governatore uscente ne ha parlato nel corso del consueto punto settimanale su Facebook e si è mostrato molto tranquillo: “La Campania esprime il massimo rispetto per ogni iniziativa di controllo di legalità e legittimità degli atti. Anzi, noi sollecitiamo tutti i controlli a 360 gradi, col massimo rispetto e la massima tranquillità”. Entrando nel merito delle contestazioni, De Luca ha sottolineato: “Avremo potuto utilizzare procedure eccezionali in questi mesi, ma non lo abbiamo fatto. Anche quando abbiamo realizzato un ospedale in tempi rapidissimi, lo abbiamo fatto sempre con una procedura di gara pubblica, con tempi estremamente accelerati. Dunque nessun problema. Si facciano, come è giusto che sia, tutti i controlli di legalità, ma noi saremo sempre un modello di efficienza, trasparenza e correttezza. L’ho detto anche ai miei collaboratori: non ci distraiamo, continuano a pensare alla tutela della salute dei nostri cittadini”. Secondo il presidente della Campania si è trattata di “un’aggressione mediatica. Il fatto che la Campania abbia dato ampia prova di efficienza e coraggio amministrativo è una cosa che non è stata digerita da tutti in Italia. C’è una parte dell’opinione pubblica che si aspetta dalla Campania la camorra o il caos. Quando non accade ciò, dà fastidio. C’è stato un tentativo strumentale di equiparare politicamente alcune gravi questioni che hanno riguardato regioni del Nord con la Campania. E’ stato fatto un tentativo scopertamente strumentale per cercare di controbilanciare quelle situazioni del Nord con la Campania. Ma il tentativo è fallito”.

L’indagine della Procura: Cascone vuole essere ascoltato

Intanto, sul fronte delle indagini, c’è da registrare la presa di posizione del consigliere regionale Luca Cascone, indagato dalla Procura della Repubblica di Napoli, che ha chiesto di essere ascoltato da parte dei magistrati che stanno gestendo le indagini. "Abbiamo chiesto di essere ascoltati nell'immediatezza della perquisizione, - fa sapere l'avvocato Cecchino Cacciatore, legale del consigliere regionale - all'inizio della prossima settimana formalizzeremo istanza di essere ascoltati. Intanto stiamo facendo il punto della situazione, raccogliendo documenti per ricostruire la cronaca di questi mesi convulsi". In particolare, aggiunge l'avvocato, "stiamo facendo una disamina accurata di tutti gli atti amministrativi e siamo a buon punto”. Intanto i consulenti della Procura hanno completato la copia forense dei dispositivi sequestrati a Cascone. A breve, quindi, gli inquirenti potranno avere a disposizione ulteriori informazioni sulla vicenda (estrapolate dall'analisi delle chat e delle mail) che potrebbero contribuire a tracciare un quadro più chiaro delle vicende contestate al consigliere regionale che è stato iscritto nel registro degli indagati per turbativa d'asta e frode in pubbliche forniture insieme con Ciro Verdoliva (manager della ASL Napoli 1), Corrado Cuccurullo (presidente della Soresa, la centrale regionale per gli acquisti), e Roberta Santaniello (componente dell'Unità di crisi regionale e del gabinetto della giunta per la Protezione Civile). Il filone di indagine riguarda l'appalto da 18 milioni per la realizzazione degli ospedali modulati anticovid di Ponticelli, a Napoli, a Salerno e a Caserta.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vinti 14mila euro nel casertano: centrato un terno al Lotto

  • La Campania può diventare 'zona arancione' nelle prossime 48 ore

  • Pasticcio zona rossa in Campania, oggi arriva la nuova classificazione

  • La Campania 'promossa' in zona arancione: riaprono i negozi per lo shopping di Natale

  • Imprenditore casertano ubriaco alla guida uccide 37enne

  • Il sindaco non ha più la maggioranza: bilancio bocciato. Dopo 18 mesi finisce l'era Golia

Torna su
CasertaNews è in caricamento