rotate-mobile
Attualità Santa Maria Capua Vetere

Incendio Stir, lettera del sindaco dopo il corteo: "C'è chi istiga odio sui social per la campagna elettorale"

Mirra: "Molti comitati non possono conoscere l'azione di qualcuno. Ma noi continuiamo a lavorare"

Rispetto al corteo che sabato ha attraversato alcune strade di Santa Maria Capua Vetere ritengo opportune alcune riflessioni. Oggi politicamente potrei ritenermi soddisfatto perché la Città ha dato una risposta netta, precisa e tranciante a chi ha voluto attribuire una forte connotazione politica ad una giusta manifestazione sull’ambiente e sul diritto alla salute, a chi ha voluto farla diventare uno strumento di lotta all’Amministrazione o una sorta di referendum sul Sindaco e sulle sue dimissioni.

Resta però il rammarico per la grande occasione persa, al netto della buona fede di alcuni cittadini partecipanti e dei comitati che provenendo da altri territori ignoravano le reali motivazioni degli organizzatori alla base della manifestazione: avremmo potuto stare tutti quanti dalla stessa parte, maggioranza, opposizione, comitato, associazioni e cittadini, avremmo potuto coinvolgere le altre comunità interessate dal problema Stir; dappertutto, infatti, rispetto alle tematiche ambientali, le comunità si stringono insieme ed attorno alla fascia del Sindaco, qui la tematica ambientale la si è voluta utilizzare per uno scopo di parte.

Resta però la grandissima preoccupazione della comunità sammaritana sulla tematica Stir rispetto alla quale sento ancora di più il dovere di intensificare il mio impegno, sempre nell'ambito delle mie competenze specifiche; lo farò con la mia squadra, con il professor Enzo De Felice, con l’assessore Francesco Petrella, con i tecnici e con tutti quelli che vorranno collaborare su questo annoso problema, sempre nel rispetto delle Istituzioni.

Come detto, avremmo potuto portare tantissime persone per strada e far sentire con forza la voce del territorio su di un problema che ha più di venti anni ma qualcuno aveva bisogno di una vetrina per iniziare la sua campagna elettorale, per trascinare la Città in una campagna d’odio, soprattutto sui social, che vorranno far durare fino alle prossime elezioni; ma come avevo previsto i cittadini, nonostante le loro giuste preoccupazioni, hanno capito e non si sono fatti strumentalizzare.

Antonio Mirra, sindaco di Santa Maria Capua Vetere

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incendio Stir, lettera del sindaco dopo il corteo: "C'è chi istiga odio sui social per la campagna elettorale"

CasertaNews è in caricamento