“Scacco matto”: un corso online per imparare a giocare a scacchi

L'iniziativa lanciata dall'associazione "Go! - Giovani ortesi"

I ragazzi dell’associazione "Go! - Giovani ortesi" di fronte alle nuove restrizioni e limitazioni sociali imposte con l'istituzione della zona rossa, hanno deciso di lanciare sul web l’iniziativa intitolata “Scacco matto”. Si tratta di un corso gratuito di scacchi con tanto di lezioni introduttive, simulazioni virtuali e sfide on-line alle quali può partecipare chiunque sia interessato. Il tutto è gestito e coordinato da un istruttore accreditato presso la Federazione scacchistica italiana (Fsi) riconosciuto dal Comitato olimpico nazionale italiano (Coni). Il corso si compone di sei appuntamenti divisi tra le diverse settimane del mese di novembre: quattro sono caratterizzati da lezioni introduttive all’avviamento del gioco degli scacchi e due da simulazioni e vere e proprie game session. Gli incontri organizzati durante la prima settimana si sono rivelati un vero successo, con partecipanti provenienti da Orta di Atella e dagli altri paesi dell’agro aversano. Gli appuntamenti settimanali con il corso si tengono ogni lunedì e giovedì dalle 21 alle 22, così da permettere a chi lavora di potervi partecipare. Ogni lezione avviene in via telematica sulla piattaforma Microsoft Teams e dura circa un’ora.

Soddisfatto per il successo dell’iniziativa Giovanni Sorvillo, presidente dell’associazione, che spiega com’è nata l’idea: “In una circostanza particolare come quella che stiamo vivendo, essendo vietato ogni tipo contatto sociale, molti sport si sono fermati. C’è qualche sport però che può adattarsi facilmente alle potenzialità che offre il web, uno di questi è il gioco degli scacchi”. Il giovane presidente dell’associazione prosegue spiegando le finalità del progetto: “Tutti noi dell’associazione siamo estremamente felici di aver dato vita a questa iniziativa. Il nostro intento è quello di offrire intrattenimento e generare quegli stimoli e quella curiosità necessari per scoprire il mondo degli scacchi, spesso poco conosciuto o sottovalutato. Promuovere lo sport significa diffondere cultura e valori sociali importanti come il rispetto dell’avversario, l'integrazione, la collaborazione e la sana competizione”.

Sorvillo ringrazia infine Nicola Perrotta, istruttore federale Fsi-Coni che ha messo a disposizione dell’associazione le sue competenze. “Ultimamente noi giovani siamo quelli più criticati perché i nostri comportamenti sarebbero irresponsabili di fronte alla pandemia - afferma il giovane istruttore - eppure ci si dimentica che ci sono tanti nostri coetanei che non solo sono rispettosi delle regole ma che con le loro iniziative danno un grande contributo per la crescita del territorio”. Perrotta prosegue: “Ho accettato con entusiasmo la proposta dell’associazione di lanciare un progetto che avesse al centro il gioco degli scacchi, collaborando gratuitamente”. Intanto, nel corso delle prime lezioni on-line, non sono mancati ospiti importanti: è il caso di Mariagrazia De Rosa, campionessa nazionale di scacchi, tre volte vincitrice del campionato femminile singolo e sei volte vincitrice del campionato nazionale a squadre, oltre ad aver partecipato a quattro olimpiadi mondiali. Chi è interessato a partecipare può contattare le pagine Facebook e Instagram dell’associazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ex carabiniere si lancia con l'auto contro la caserma: fermato

  • Oltre 900 nuovi casi e 3 vittime del Covid. Aumenta percentuale positivi

  • Scoperti i furbetti del cartellino all’Asl, sospesi 13 dipendenti

  • Il casertano piange 24 vittime: un morto all'ora per Covid in una sola giornata

  • Morti altri 8 pazienti ricoverati col Covid: 589 nuovi positivi nel casertano

  • Quasi 2mila guariti nel casertano. Cala percentuale dei positivi

Torna su
CasertaNews è in caricamento