Zona rossa, oggi una nuova protesta. La maggioranza accanto al sindaco: "Frange di facinorosi nel corteo"

Documento dei consiglieri: “Il dissenso va espresso col dialogo, non con atti violenti”

La manifestazione contro la zona rossa a Marcianise

La situazione è molto tesa a Marcianise dove la creazione della zona rossa per cercare di frenare l’aumento dei contagi da Covid-19 ha portato ad una prima reazione dei cittadini che, lunedì sera, sono scesi in strada per manifestare tutto il proprio dissenso nei confronti del provvedimento adottato dal presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca. I manifestanti si sono recati prima in piazza Umberto I, davanti al Comune, e poi sotto casa del sindaco Antonello Velardi al grido ‘libertà, libertà’. Ed oggi è previsto il bis, con una nuova manifestazione convocata per le ore 18 con partenza da piazza Carità.

Intanto la maggioranza si è stretta attorno al primo cittadino che, dopo la contestazione di lunedì sera, ha commentato laconicamente: “Ho poco da aggiungere, anzi non ho nulla da aggiungere. Continuare ad avere a questo punto un canale di comunicazione con la città è un'impresa di Sisifo. Al silenzio di tanti aggiungo il mio, definitivo”. In un documento i consiglieri comunali Giovan Battista Valentino, Angela Letizia, Lina Tartaglione,  Raffaele Delle Curti, Gaetano Madonna, Maria Braccio, Antonio Golino, Francesca Tortora, Francesco Lampitelli, Domenico Moriello, Giuseppe Golino, Giandomenico Colella, Giovanni Pratillo, Nicola Salzillo e Domenico Iuliano hanno fatto quadrato attorno a Velardi: “La sofferenza di questi giorni e il sacrificio della città di Marcianise non sono e non saranno mai dimenticati. Capiamo il dolore e la rabbia di questi giorni ma oggi più di ieri è necessario mantenere la calma. La rabbia rischia di trasformarsi in un fiume in piena che potrebbe inondarci. Noi dobbiamo far valere le nostre ragioni nelle sedi opportuno chiedendo allo Stato e alla Regione di fornirci tutto il supporto necessario. Riteniamo necessario che il dissenso si debba esprimere attraverso gli strumenti del dialogo e del confronto democratico. Mai con atti sediziosi o violenti”.

I consiglieri esprimono “solidarietà e vicinanza al sindaco e alla sua famiglia, per gli indegni attacchi subiti. La politica, tutta, ad ogni livello e libera da bandiere, dovrebbe condannare simili atti. Ci auguriamo che la Politica, tutta, e le Istituzioni sovracomunali, siano accanto, appoggino e supportino in questo momento difficile, le Istituzioni locali. Tutte le forze politiche hanno la responsabilità di spiegare alla comunità le ragioni di un'ordinanza, regionale, da chiarire, che  nasce dalla preoccupazione di contenere la veloce e preoccupante diffusione del contagio.  La situazione sembra assumere a livello locale, regionale e nazionale le sembianze di una guerra civile. Nella consapevolezza che tra coloro che manifestano contro la Zona rossa si nascondono frange di facinorosi che nulla hanno a che fare con i commercianti in protesta, confidiamo nel prezioso  lavoro delle Forze dell'ordine affinché possano fare chiarezza sull’accaduto".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vince il concorso ma rinuncia al lavoro in Comune a tempo indeterminato

  • Klaus Davi fa ballare la techno al figlio di Sandokan per pubblicizzare il nuovo libro | VIDEO

  • Nel casertano un salvadanaio da 2,4 milioni di euro depositati alle Poste

  • Vincita da 10mila euro: festa in ricevitoria

  • Muore a 49 anni col virus. La rabbia del sindaco: "Smettiamola di sottovalutare la situazione"

  • Ex carabiniere si lancia con l'auto contro la caserma: fermato

Torna su
CasertaNews è in caricamento