menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il consigliere comunale Ernesto Ferrante

Il consigliere comunale Ernesto Ferrante

Violenza sulle donne, il consigliere: "Un'app può salvare la vita"

La preoccupazione di Ferrante: "La violenza fra le mura domestiche in tempo di pandemia e di isolamento forzato, rischia di produrre una strage silenziosa"

"La violenza fra le mura domestiche in tempo di pandemia e di isolamento forzato, rischia di produrre una strage silenziosa, come dimostra quanto accaduto nelle scorse ore a Sessa Aurunca con una donna ferita a colpi di forbici dal marito". Così Ernesto Ferrante consigliere comunale del gruppo 'Uniti per Cesa' e già annunciato candidato sindaco alle prossime elezioni.

"I numeri sono chiari nella loro crudezza: negli ultimi 15 giorni le chiamate al 1522 si sono dimezzate rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso - spiega il consigliere Ferrante - E di circa il 50 per cento sono diminuite anche le denunce alle forze dell'ordine. Oggi più che mai è doveroso pubblicizzare l'esistenza dell'app 1522 del numero anti violenza e anti stalking, servizio promosso dal Dipartimento per le Pari Opportunità (Presidenza del Consiglio dei Ministri). Può essere scaricata in maniera semplice da ogni smartphone e consente di collegarsi con le operatrici antiviolenza, azionando in maniera immediata i dispositivi di emergenza. Il suo grande vantaggio è che permette di rivolgersi al numero verde 1522 senza necessità di parlare e quindi senza correre il rischio di essere ascoltate e punite da compagni e mariti maltrattanti".

"Ci sono case che in questi giorni sono diventate prigioni e inferni cementificati di sopraffazione domestica in cui le donne maltrattate, spesso insieme ai loro bambini, per effetto della reclusione anti coronavirus, si sono ritrovate senza più vie di fuga nelle mani di mariti e compagni violenti - conclude - Quest'app può salvare la vita. Bastano pochi passaggi, silenziosi, ma in grado di cambiare il finale che appare già scritto di tante storie tragiche".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento