Il consigliere scrive a Velardi: "Riaprite le scuole agli studenti disabili"

Alessandro Tartaglione invia una missiva all'amministrazione comunale: "Servono progetti per garantire le attività didattiche in presenza agli alunni diversamente abili"

Il consigliere comunale Alessandro Tartaglione

Progetti per garantire le attività didattiche in presenza agli studenti disabili. E' l'oggetto dell'istanza inviata dal consigliere comunale di "Marcianise Terra di Idee", Alessandro Tartaglione, al sindaco Antonello Velardi, all’assessore alla Pubblica Istruzione Federica Porzio e all’assessore alle Politiche sociali Sara Mezzacapo

 "La sospensione delle attività didattiche durante lo scorso lockdown ha determinato impatti molto gravi sulle fasce più deboli della popolazione scolastica, con particolare riferimento agli alunni in difficoltà, a quelli affetti da gravi disturbi dello spettro autistico, agli studenti con disabilità varie - spiega il consigliere Tartaglione -Conseguenze che si sono subito palesate con la ripresa del corrente anno scolastico. Molti studenti diversamente abili, infatti, hanno evidenziato gravi regressioni sul piano degli apprendimenti con perdita di molte abilità conquistate faticosamente. La sospensione in presenza delle attività didattiche ha un grave impatto sulla vita delle famiglie tutte, ma chi paga il prezzo più alto sono proprio gli alunni con disabilità oltre che le loro famiglie, in quanto a loro non può essere garantita la realizzazione di attività valide in modalità a distanza, ledendo gravemente il diritto ai bisogni educativi speciali".

"Per questo motivo la dirigente scolastica della scuola elementare statale Luigi Vanvitelli di Napoli, che si trova nel quartiere Vomero, ha ideato un progetto ad hoc per consentire agli alunni diversamente abili, su richiesta dei genitori e nel pieno rispetto dei protocolli di sicurezza vigenti, di partecipare a laboratori didattici in presenza, nella fascia antimeridiana, nella loro scuola, insieme alle loro docenti di sostegno e di base, durante la sospensione della didattica in presenza disposta dalla Regione Campania, dal 20 al 30 ottobre - continua Alessandro Tartaglione - Il programma di interventi prevede attività individualizzate e momenti di condivisione con i compagni di classe, collegati in piattaforma da casa, facendo didattica a distanza da scuola con l’assistenza degli insegnanti. L'iniziativa, che è stata appoggiata dall’assessore regionale all’Istruzione Lucia Fortini, dalla direzione dell’Ufficio Scolastico Regionale e dal responsabile dell’Unità Operativa di Neuropsichiatria Infantile di Napoli, ha ottenuto il nulla osta dalla task force per l’emergenza epidemiologica da Covid-19 della Regione Campania".

"E' necessario dunque un intervento attivo da parte dell'amministrazione comunale di Marcianise, al fine di stimolare le istituzione scolastiche gravitanti sul territorio comunale (elementari, medie e superiori) a proporre progetti similari con lo scopo di riaprire le scuole e venire incontro ai bisogni delle famiglie con figli disabili, così come previsto dai piani di indirizzo e le linee guida del Ministero dell’Istruzione che prevedono una particolare attenzione ai ragazzi e ai bambini più deboli e fragili", conclude il consigliere comunale di opposizione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Accoltellato il dj Joseph Capriati: il padre arrestato per tentato omicidio

  • Un casertano 'firma' la nuova stazione della metro di New York

  • Joseph Capriati operato in ospedale. Ricostruita la lite in casa col padre

  • Caserta in ansia per Joseph Capriati, il dj più famoso da Ibiza agli Usa

  • Scuole chiuse, altri 3 sindaci firmano l'ordinanza di proroga

  • Muore improvvisamente ed i carabinieri scoprono la casa a luci rosse

Torna su
CasertaNews è in caricamento