Funerali nel cimitero: arriva il via libera dell’amministrazione

Il sindaco Mirra e l'assessore De Riso: "Cerimonie per quindici persone, rispetto delle distanze e divieto di assembramenti"

Nel giorno in cui il cimitero di Santa Maria Capua Vetere riapre le porte ai cittadini, secondo un calendario che ne disciplina l’accesso, arriva anche il via libera alle celebrazioni dei riti funebri all’interno del luogo sacro da parte del sindaco Antonio Mirra con l’assessore ai Servizi Cimiteriali Paolo De Riso.

“In queste settimane in cui il Paese si è trovato ad affrontare un’inaspettata emergenza, una delle maggiori sofferenze è stata rappresentata proprio dalla impossibilità, a causa delle restrizioni in vigore, di salutare i propri cari in un momento di lutto e di grande dolore; con l’entrata in vigore dell’ultimo decreto del premier Conte del 26 aprile - hanno dichiarato il sindaco Mirra e l’assessore De Riso - e quindi con la possibilità di celebrare i riti funebri in presenza di un massimo di quindici persone, nel rispetto delle distanze e con divieto di assembramenti, abbiamo immediatamente attivato l’iter per consentire lo svolgimento delle funzioni”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le cerimonie verranno svolte, per un massimo di quindici persone ed evitando assembramenti, nello spazio antistante il crocifisso al cui cospetto ogni anno il vescovo celebra la funzione per i defunti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sequestrata azienda di giardinaggio: alberi uccisi dal punterolo rosso bruciati in un terreno | FOTO

  • Finto contratto da badante per il permesso di soggiorno

  • Tangenti per gli appalti di esercito ed aeronautica, indagato tenente colonnello casertano

  • Il pentito: "Carmine Schiavone voleva eliminare gli ultimi rappresentanti dei Bidognetti"

  • Aumentano di nuovo i contagi da coronavirus nel casertano

  • Nervi tesissimi tra cancellieri ed avvocati. La Camera Penale: "Accuse false contro la nostra categoria"

Torna su
CasertaNews è in caricamento