Scuole, 48 ore per decidere il rinvio. Prorogati i controlli a chi rientra dalla Sardegna

Giovedì il faccia a faccia tra De Luca e le componenti del mondo della scuola in Campania per decidere quando riaprire

Altre 48 ore e poi gli studenti campani (ed i loro genitori) scopriranno finalmente la data di inizio della scuola in questo terribile anno caratterizzato dalla pandemia da coronavirus che ha già cancellato sei mesi scolastici. E’ fissato per giovedì, infatti, il faccia a faccia tra il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca e le componenti del mondo della scuola in Campania per decidere quando riaprire: la data del 14 settembre sembra essere sempre più in bilico. Anche perché diverse regioni hanno già intrapreso strade alternative rispetto a quella del 14 settembre che il governo Conte aveva fissato simbolicamente per tutta l’Italia per dare un segnale di ripresa complessiva nelle varie regioni.

Ma, arrivati a due settimane dall’apertura, i giochi sembrano essere tutt’altro che fatti. Anzi, si fa sempre più strada l’ipotesi di un rinvio al 24 settembre, dopo la tornata elettorale del 20 e 21 settembre: la stessa data che De Luca aveva annunciato a luglio e che poi aveva modificato per non andare contro le indicazioni del governo Conte. Ma ora i tempi sembrano essere cambiati.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il governatore uscente, intanto, continua a tenere sotto controllo la pandemia e l’aumento di contagi e non sembra voler fare un passo indietro sulla mappatura estiva. Tant’è che ha prorogato fino al 10 settembre l’obbligo di quarantena e tamponi per chi rientra dalla Sardegna con una nuova ordinanza, la numero 69 del 31 agosto. La norma, in vigore dal 12 agosto, prevede l'obbligo di segnalarsi alla Asl di competenza e di rimanere in isolamento domiciliare in attesa dell'esito dei controlli. Restano valide le norme sui tamponi all'arrivo previste dal Ministero della Salute per chi rientra da Grecia, Malta, Spagna e Croazia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz all'alba: 38 arresti. Fiumi di coca, marijuana ed hashish 'coperto' da vedette TUTTI I NOMI

  • Il coprifuoco di De Luca: stop agli spostamenti fra le province, attività chiuse dalle 23

  • Coprifuoco in Campania, De Luca firma l'ordinanza. Tutti a casa dopo le 23 per 20 giorni

  • Troppi contagi: "Marcianise sarà dichiarata zona rossa"

  • Nuovo record di contagi in un giorno: 321 nuovi casi e 2 morti

  • Coronavirus, 318 nuovi casi nel casertano: positivo il 20% dei tamponi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CasertaNews è in caricamento