De Luca: “Viviamo come se fossimo in lockdown, rischiamo una zona 'stra-rossa'. Dimezziamo la mobilità”

Il governatore replica alle polemiche sulla zona gialla: “I dati sono chiari, ve li mostro”. Ma il contagio corre: “Aversa sopra i 100 positivi in un giorno, 65 a Caserta, 41 a Marcianise. Dobbiamo stare attenti”

Il presidente della Regione Vincenzo De Luca

Un’altra giornata sopra i 4mila contagi, ma con la voglia di “bloccare” le polemiche che sono scaturite dall’inserimento della regione Campania in ‘zona gialla’ nonostante un grande aumento del numero dei positivi. E’ un Vincenzo De Luca diverso quello che fa il punto settimanale sulla pandemia da coronavirus, allarmista ma senza drammatizzazione, così come era avvenuto nelle scorse settimane. “La situazione è delicata ma abbiamo tutte le possibilità per governarla” ha affermato nonostante non più di un paio di settimane fa era lui stesso a chiedere un lockdown. “Ed ancora oggi continuo a pensare che un mese di chiusura di tutta la nazione sarebbe stata la cosa migliore - ha sottolineato De Luca - ma questo mio pensiero è stato strumentalizzato. Perché le scelte del governo si basano sui dati ed allora ve li mostro”.

I numeri della 'zona gialla'

Il governatore snocciola numeri che spiegano le differenze esistenti tra le regioni (come la Campania) inserite in zona gialla e quelle che sono finite in ‘lockdown’ per almeno due settimane. “Nella nostra regione abbiamo 1600 ospedalizzati e 174 in Terapia intensiva per il Covid, in Lombardia 5318 e 552; in Piemonte 3700 e 249. I decessi in Campania sono stati 756, mentre in Lombardia 18mila e 4520 in Piedimonte”. Numeri diversi anche per le percentuali sui ricoverati: “In Campania ce ne sono 23,9 ogni 100mila abitanti, in Lombardia 39, in Piemonte 61, in Liguria 67, in Toscana 28, nel Lazio 33, in Emilia Romagna 27, in Valle d’Aosta 116”. 

"Abbiamo anticipato le restrizioni"

De Luca ha sottolineato come “la classificazione delle varie regioni ha determinato qualche sorpresa, ma noi ci siamo dati una linea chiara che intendiamo perseguire, che è quella della prevenzione, perché siamo la regioni più a rischio per la densità abitativa, dobbiamo arrivare prima degli altri per salvarci. Non dobbiamo aspettare l’esplosione del contagio: lo so che è più difficile perché la situazione appare più tranquilla,  ma se aspettiamo che il problema scoppi diventa tutto perfettamente inutile. Per questo siamo partiti dal 12 agosto coi tamponi per chi rientrava dalle vacanze, abbiamo disposto prima la sospensione delle attività scolastiche in presenza ed il divieto della mobilità tra province. Il governo, invece, ha fatto una scelta diversa, intendendo prendere progressivamente misure restrittive. Io non credo che sia efficace: avrei preferito la chiusura di un mese di tutto perché coi avrebbe aiutato a frenare il contagio per evitare il calvario del decreto”. 

Rischio lockdown tra Natale e Capodanno

Ma il rischio, che aveva già paventato nei giorni scorsi, è che “oggi chi è stato collocato in zona rossa si sente bersagliato sul piano politico. Ma chi oggi entra in zona rossa, forse per un mese, si troverà nella condizioni di aprire da qui ad un mese. Chi non è stato messo in zona rossa, invece, corre il rischio di dover chiudere tutto tra Natale e Capodanno. Per questo dobbiamo essere ancora più attenti. Rischiamo di entrare in zona rossa tra una settimana se avremo comportamenti allegri e disinvolti”.

Ancora sopra i 4mila contagi in 24 ore

Anche perché, come detto, il contagio continua a correre. De Luca snocciola numeri delle città con maggiori positivi riscontrati nelle ultime 24 ore, dove, oltre a Napoli (1046), inserisce anche “Giugliano con 116 positivi, Caserta 65, Aversa 109 e Marcianise 41” numeri che il presidente utilizza per mantenere alta la tensione: “Questi sono dati che ci devono preoccupare. Non c’è niente da festeggiare, dobbiamo essere più rigorosi. Dobbiamo tenere gli occhi aperti altrimenti andiamo in zona “stra-rossa” se non facciamo tutti quanti insieme un grande sforzo unitario e collettivo per contenere il contagio con comportamenti responsabili”. E quindi l’appello ai sindaci “per ridurre del 50% la mobilità” e per evitare di “andare a passeggio quando è inutile. Evitiamo gli assembramenti e mettiamo la mascherina”. Ancora una volta De Luca ha chiesto più controlli per “perseguire quelli che non indossano le mascherine e controllare che non ci sia nessuno in strada dalle 22. Se ognuno fa il proprio comodo ognuno avrà da soffrire. vi chiedo di comportavi come se fossimo in lockdown. Diamo prova di autodisciplina”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Va in ospedale per una colica renale ma finisce in tragedia: muore 40enne

  • Il terno al Lotto per l'addio a Maradona

  • Lotta ai furbetti senza assicurazione e collaudo, ecco 4 telecamere | FOTO

  • Scoperti i furbetti del cartellino all’Asl, sospesi 13 dipendenti

  • Il casertano piange 24 vittime: un morto all'ora per Covid in una sola giornata

  • Quasi 2mila guariti nel casertano. Cala percentuale dei positivi

Torna su
CasertaNews è in caricamento