menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, l'opposizione: "Mascherine a tutti i cittadini"

Il gruppo 'Obiettivo Comune' propone una copertura massima di 6mila mascherine impegnando soldi dal bilancio comunale

Alla luce di recenti studi e delle analisi, che dimostrano una diffusione aerea del virus più spiccata rispetto a quanto ipotizzato in precedenza, l’Organizzazione mondiale della Sanità appare orientata a rivedere le linee guida sull’utilizzo di alcuni dispositivi di protezione individuali (dpi), in particolar modo delle mascherine.

"Le misure messe in campo al momento a Calvi Risorta, sebbene frutto di donazioni e lodevoli iniziative di privati, risultano del tutto insufficienti per coprire il reale fabbisogno della cittadinanza e possono determinare spiacevoli disparità di trattamento nel reperimento delle mascherine, i cui prezzi hanno subito una impennata vertiginosa negli ultimi mesi", sottolinea in una noto il gruppo politico di opposizione 'Orizzonte Comune'.

"Riteniamo pertanto opportuno proporre una copertura massima, impegnando soldi dal bilancio comunale per l’acquisto di almeno 6.000 mascherine, predisponendo una consegna capillare delle stesse, ed eventualmente di altri dispositivi di protezione individuale, a tutte le famiglie calene - continua il gruppo politico - La situazione di dissesto non può costituire un alibi, tanto più che nel 2019 siamo riusciti a trovare 60mila euro per le indennità di funzione degli amministratori e più di 75mila euro per gli incarichi all’ufficio ragioneria, quindi non dovrebbe essere troppo complicato trovare 10/12mila euro per l’acquisto di mascherine protettive".

"Molti altri Comuni hanno avviato una distribuzione porta a porta delle mascherine, proteggendo così le persone più a rischio (ad esempio chi esce di casa per motivi di necessità), mentre noi siamo impegnati a promuovere iniziative come l’utilizzo di 10 droni, che potranno anche avere una qualche utilità in futuro, ma al momento appaiono più un vezzo che una reale necessità - conclude nella nota il gruppo 'Obiettivo Comune' - Non possiamo farci trovare impreparati quando saremo nella fase del picco del contagio, atteso in Campania tra fine aprile e inizi maggio. Agiamo subito e acquistiamo queste mascherine, tanto più che ormai ci sono anche convezione attive su Consip e sul mercato elettronico. Siate concreti. Come opposizione possiamo garantire che non vi sarà nessun rilievo su tali spese di bilancio quando saremo in consiglio per l’approvazione del bilancio 2020. La salute dei cittadini è prioritaria".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona arancione. “Al 90% sarà così”

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento