rotate-mobile
Attualità Aversa

Coronavirus, Sos dall'ospedale di Aversa per mascherine e guanti per infermieri

Situazione molto delicata nel momento più importante dell'emergenza

Mancanza di dispositivi di prevenzione. Questa la nuova emergenza che sta vivendo il pronto soccorso dell’ospedale Moscati di Aversa. Infermieri, medici ed operatori che operano in prima linea sarebbero quasi completamente a corto di dispositivi adeguati. Sembrerebbe, da quanto è emerso, che da quando è stata allestita la tensostruttura esterna, dedicata ai malati COVID e contenente 6 posti letto, la situazione sia peggiorata anche sotto il profilo logistico. Infatti la struttura fa parte integrante del percorso obbligatorio che devono fare gli ammalati che vengono prelevati dalle ambulanze e che giungono all’ospedale. Percorso che consente ai positivi di non entrare in contatto con gli altri pazienti ricoverati. Ebbene, sembra che, per creare questo speciale percorso, siano di fatto stati aboliti i bagni e gli spogliatoi del personale infermieristico del pronto soccorso. Una situazione che si traduce in un netto disagio per gli operatori che, in questo modo, non hanno la possibilità di disfarsi degli indumenti di lavoro in un posto a loro dedicato. Niente scioperi né agitazioni, però, da parte degli operatori sanitari. Con senso di responsabilità continuano a lavorare anche utilizzando le loro stesse mascherine per più giorni. Una situazione rappresentata al neo direttore del Moscati nominato appena una settimana fa. Arcangelo Correra, già direttore sanitario dell'Asl durante la dirigenza di Mario De Biasio, infatti, è il direttore pro tempore ad Aversa dopo che il direttore sanitario Bruno Tornincasa è in "malattia lunga". Una situazione che ha costretto il direttore dell'Asl Ferdinando Russo ad inviare al suo posto un sostituto.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, Sos dall'ospedale di Aversa per mascherine e guanti per infermieri

CasertaNews è in caricamento