Sabato, 31 Luglio 2021
Attualità

Sale giochi e centri scommesse ancora chiusi, il consigliere: "Rischio aumento abusivi"

Per il comparto del gioco legale continua lo stop, Bosco lancia l'allarme: "Il Governo indichi almeno una data di inizio"

Uno dei settori che è stato maggiormente penalizzato dalle chiusure imposte dal lockdown è quello del gioco legale. Le attività dell’intero comparto, infatti, sono state bloccate dallo scorso marzo e ancora non sono riprese.

A farsi carico delle istanze di tanti imprenditori è il vice presidente della commissione regionale alle Attività produttive e Commercio Luigi Bosco che afferma: "In queste ore ho incontrato Massimo Palazzo, noto imprenditore del comparto del gioco legale che, a nome di numerosi suoi colleghi della provincia di Caserta e dell’intera regione Campania, mi ha manifestato le tante difficoltà che sta attraversano il settore, tra i pochi che ancora non conosce il proprio destino.

palazzo-massimo-bosco-luigi-2

"Nell’ultimo decreto del premier Giuseppe Conte, infatti, non è riportata nemmeno una data indicativa di ripresa. La mancanza di attenzione nei confronti di questo particolare comparto, inoltre, rischia di alimentare attività illegali ed abusive - aggiunge Bosco - Venerdì 22 maggio gli operatori scenderanno in piazza a Napoli per manifestare il loro disagio. Cercheremo di aiutare tanti lavoratori affinché si apra un tavolo di confronto con il Governo per avviare un riordino dell’intero settore e programmare il prossimo futuro", conclude.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sale giochi e centri scommesse ancora chiusi, il consigliere: "Rischio aumento abusivi"

CasertaNews è in caricamento