L’ombra del coprifuoco sulla Movida di Caserta

Il sindaco: “Situazione di tensione per i contagi. Prenderemo decisioni importanti sulla Prefettura”

"I dati non sono assolutamente positivi, abbiamo troppi casi di coronavirus in città". Il bilancio dei contagi nella città di Caserta, arrivato a quota 145, preoccupa non poco il sindaco Carlo Marino che afferma: "Sono numeri che non abbiamo mai avuto, nemmeno nel periodo di lockdown primaverile quando i contagi arrivarono a quota 33. C'è dunque una situazione di tensione". E poi annuncia: "Prenderemo decisioni importanti con la Prefettura e l'Asl per evitare che si creino assembramenti. Soprattutto nelle ore serali e notturne". 

Avanza dunque l'ombra del coprifuoco sulla movida del Capoluogo. Sebbene il sindaco Marino, nel corso del video messaggio pubblicato sui social, non lo nomini mai, sembra puntare tutto ad un coprifuoco. L'idea che emerge, seppur in maniera velata, dalle parole del primo cittadino è quella di chiudere le strade della movida cittadina dove si ritrovano maggiormente i ragazzi casertani. "Vedo ancora troppi giovani senza mascherina", dichiara Carlo Marino. 

Poi sulla riapertura delle scuole: "Incontrerò i responsabili dell'Asl per far ritornare in classe anche gli studenti delle elementari e delle medie - fa sapere il sindaco Marino - Per quanto riguarda gli istituti superiori abbiamo ancora una serie di problemi legati al trasporto pubblico locale e agli assembramenti che si creano fuori le scuole; dunque non possiamo permetterci di riaprirli".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vinti 14mila euro nel casertano: centrato un terno al Lotto

  • La Campania può diventare 'zona arancione' nelle prossime 48 ore

  • Va in ospedale per una colica renale ma finisce in tragedia: muore 40enne

  • Imprenditore casertano ubriaco alla guida uccide 37enne

  • Il sindaco non ha più la maggioranza: bilancio bocciato. Dopo 18 mesi finisce l'era Golia

  • Altre 8 vittime del virus nel casertano ma i nuovi positivi sono in calo

Torna su
CasertaNews è in caricamento