rotate-mobile
Mercoledì, 19 Gennaio 2022
Attualità Marcianise

Oltre 500 attuali positivi, il sindaco chiude i "club" per un mese

Velardi annuncia il provvedimento ed i controlli. Assembramenti nel mirino delle telecamere, chiusi cinque esercizi commerciali "irrispettosi" delle norme

Il sindaco di Marcianise Antonello Velardi chiude i "club" per tutto il mese di gennaio. La decisione è stata resa nota dallo stesso primo cittadino alla luce del diffondersi dei contagi in città dove si è raggiunta la quota di 500 attuali positivi la maggior parte dei quali privi di sintomi ma con qualche ricoverato in condizioni critiche. 

Assembramenti controllati anche con le telecamere

"Stiamo monitorando la situazione, raccordandoci con le forze di polizia. Verranno controllati e sanzionati gli assembramenti dentro e all'esterno degli esercizi commerciali: ai fini delle sanzioni, saranno utilizzate le immagini delle telecamere, ormai collocate in tutta la città.  E' inutile aggiungere che i controlli non sono sufficienti se non c'è la consapevolezza di tutti nell'osservanza delle norme", dichiara Velardi.

Chiusi cinque esercizi commerciali

Il sindaco Velardi evidenzia come nel corso dei controlli degli ultimi giorni "sono stati chiusi tre esercizi commerciali a Marcianise per violazione delle norme di contenimento del rischio covid; altri due provvedimenti analoghi sono stati assunti a Capodrise, nell'area cuscinetto con Marcianise. Nuovi provvedimenti verranno assunti all'esito dei controlli" in corso anche nella giornata della vigilia di Capodanno.

Serrata per un mese dei club

Velardi annuncia provvedimenti come la chiusura "da oggi e per l'intero mese di gennaio, tutti i circoli ricreativi, anche quelli gestiti da associazioni: sono luoghi dove l'osservanza delle norme anti-contagio non è purtroppo puntuale". Inoltre "per l'elevato numero di contagiati soprattutto in certe fasce d'età, abbiamo rinviato a nuova data le elezioni del Forum dei giovani, in programma a gennaio: ci dispiace molto, ma l'emergenza epidemiologica non ci lascia alternative".

L'appello al rigore: "Non sparate fuochi" 

Il sindaco ha infine rinnovato l'appello al rigore, all'osservanza delle norme, al contenimento delle uscite in questi giorni di festa soprattutto. "Spero vivamente che non saranno esplosi stasera fuochi d'artificio (non abbiamo autorizzato, tra l'altro, l'installazione provvisoria di nuovi esercizi per la vendita di fuochi)". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Oltre 500 attuali positivi, il sindaco chiude i "club" per un mese

CasertaNews è in caricamento