rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Attualità Marcianise

Vittime del coronavirus, l'ex sindaco attacca il commissario

Non si è svolta in città la cerimonia di commemorazione promossa dall'Anci. Velardi: "Attendo delle scuse da Lastella"

Nel giorno in cui i sindaci di tutti i comuni d'Italia hanno indossato la fascia tricolore e hanno osservato un minuto di silenzio (al contempo sono state esposte le bandiere a mezz'asta) per rendere omaggio alle vittime dell'emergenza coronavirus e per onorare gli operatori sanitari, scoppia la polemica a Marcianise dove la cerimonia promossa dall'Anci (associazione nazionale comuni italiani) non si è svolta. Ad entrare a gamba tesa sulla questione è stato l'ex sindaco Antonello Velardi che non le ha mandate a dire al commissario straordinario del Comune, Michele Lastella.

"Il commissario straordinario non ha ritenuto partecipare all'iniziativa e ne ignoro i motivi. Non credo perché non condivida il nostro dovere morale di onorare le vittime dell'epidemia e gli operatori sanitari - ha sottolineato Velardi - Aspetto che ce lo faccia sapere. In attesa di un chiarimento (e, auspicabilmente, delle scuse), mi duole dover constatare che un rappresentante dello Stato non abbia avvertito questa sensibilità".

"Certo, i sindaci sono le sentinelle dello Stato su un territorio rappresentando le comunità; lo è a maggior ragione chi non è stato eletto e si ritrova a rappresentare una comunità per il sol fatto che è un funzionario o dirigente dello Stato, cioè un viceprefetto - ha continuato l'ex sindaco - I suoi doveri dovrebbero essere ancor più forti ed evidenti. Lo Stato non è un'entità astratta, lo Stato è fatto da uomini. E penso agli uomini impegnati in prima fila, in queste ore, nella disperata battaglia contro il coronavirus: sono uomini dello Stato ai quali va la mia, la nostra masima ammirazione".

"Il dispiacere da parte mia, e credo di tutti i marcianisani, è ancora più forte perché noi non siamo una comunità qualsiasi, noi non siamo l'ultimo Comune d'Italia - ha concluso l'ex sindaco Velardi - Marcianise è una realtà importante e noi siamo orgogliosi di essere marcianisani. Lo devono sapere (ed insisto su questo punto) coloro che ci stanno amministrando: non sono stati eletti e non hanno vinto alcun concorso, hanno chiesto deliberatamente di essere qui a Marcianise come commissari straordinari. Sono qui per rendere onore allo Stato, per servirlo, e per servire la comunità che adesso rappresentano. Con stile, lo stile degli uomini di Stato".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vittime del coronavirus, l'ex sindaco attacca il commissario

CasertaNews è in caricamento