menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il consigliere di Mondragone, Alessandro Rizzieri, e il sindaco Virgilio Pacifico

Il consigliere di Mondragone, Alessandro Rizzieri, e il sindaco Virgilio Pacifico

Buoni spesa, la consegna parte il 16 aprile: scovati 528 'furbetti'

Circa il 25% delle domande sono state rigettate, in totale in Municipio sono arrivate 2180 istanze

Buoni spesa a Mondragone, la consegna partirà giovedì prossimo, 16 aprile, così confermato dal sindaco Virgilio Pacifico e dal consigliere comunale delegato Alessandro Rizzieri. In Comune sono arrivate ben 2180 istante e il 25% circa, cioè 528 richieste, sono state escluse mentre 1652 sono state ammesse e quindi i nuclei familiari riceveranno il buono spesa. Tra i motivi di esclusione la "non residenza, istanze irregolari, presentazione multipla della domanda e presentazione della domanda da più componenti del nucleo familiare". In parole povere sono stati esclusi coloro che volevano fare i furbetti. Tra quelle accolte invece 708 sono quelle con 'priorità' mentre 944 sono quelle accolte in 'seconda fascia'. 

Dal Municipio (ricordiamo dal 16 aprile) partirà un messaggio per tutti i beneficiari che riceveranno il buono spesa direttamente a casa dagli agenti della polizia municipale: il richiedente dovrà esibire codice fiscale e dovrà firmare la ricevuta. "Un ringraziamento speciale per il lavoro profuso va ai dipendenti dell'area sociale e culturale nella persona del responsabile Edoardo Vignale - dicono sindaco e consigliere - e di tutti i suoi collaboratori impegnati anche nelle domeniche delle Palme e di questa di Pasqua, per ridurre al minimo possibile i tempi della consegna dei buoni. Un altro ringraziamento va rivolto al comandante della polizia municipale David Bonuglia e a tutti gli agenti che si sono offerti per la consegna dei buoni spesa senza alcuna remunerazione".

Sindaco e consigliere poi fanno un bilancio di quanto fino ad oggi abbia fatto la rete di solidarietà (Croce Rossa Italiana  – Caritas – Protezione Civile – le Associazioni Terramia – Accendiamo le Luci – Minerva): "Sono stati consegnati a domicilio 1800 pacchi alimentari, c'è stata la consegna a domicilio di spesa e medicinali, oltre che la consegna di ben 4mila mascherine chirurgiche. Senza dimenticare la consegna a domiclio di farmaci 'salvavita' in collaborazione con l'Asl e l'accompagnamento degli anziani presso l'ufficio postale per il ritiro delle pensioni".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La Domiziana invasa da un'imbarcazione di 24 metri | FOTO

Attualità

Docente della scuola elementare positiva al coronavirus

Attualità

Una alunna positiva al coronavirus: tornano in Dad due classi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento