Arrivano i banchi, la preside Serpico: "Giusto rinviare apertura scuole" | FOTO

Al 'Giordani' 1300 nuovi monoposto e 8mila mascherine. Si pensa all'entrata scaglionata degli studenti "ma servono trasporti adeguati"

I nuovi banchi nella scuola diretta dalla preside Antonella Serpico

Mancano poco più di due settimane alla riapertura delle scuole nell’era coronavirus e gli istituti casertani si stanno attrezzando affinché si possa ripartire quanto più in sicurezza possibile. L’incertezza sul rientro in classe è tanta e preoccupa sempre di più le famiglie degli studenti, ma non bisognerà farsi trovare impreparati. I dirigenti scolastici casertani lo sanno bene e si stanno attivando per attrezzare i propri istituti con termoscanner, banchi ‘anti Covid’, mascherine e distanziatori. È il caso dell’Itis-Ls ‘Giordani’ di Caserta, guidato dalla dirigente scolastica Antonella Serpico.

"Abbiamo acquistato, con gli oltre 110mila euro attribuitici dal decreto Rilancio, ben 1300 banchi anti Covid, termoscanner innovativi per rilevare la temperatura all’ingresso dell’istituto e una serie di distanziatori, simili a quelli presenti negli aeroporti, che utilizzeremo per creare percorsi ad hoc all’interno delle nostre strutture – ha spiegato la preside Serpico - Inoltre abbiamo comprato 100 banchi con le rotelle che metteremo nei nostri laboratori, per consentire a docenti e studenti una didattica innovativa. Per quanto riguarda invece le mascherine, ne sono arrivate ben 8mila e il rifornimento, per professori e personale Ata, sarà mensile".

"Come istituto siamo pronti per ripartire in massima sicurezza, ma sono d’accordo a rimandare l’apertura delle scuole a dopo le elezioni regionali – ha continuato Antonella Serpico, vice presidente dell’Associazione nazionale dirigenti scolastici (Andis) – sia in ottica di solidarietà nei confronti di altri istituti che a differenza nostra sono in difficoltà e soprattutto perchè alcuni plessi saranno sedi elettorali ed è ingiusto fermare le attività didattiche dopo neanche una settimana dalla riapertura".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Se al Giordani è tutto pronto per la riapertura, non mancano tuttavia difficoltà all’istituto della preside Serpico. "E’ l’organizzazione degli ingressi che più mi preoccupa – ha dichiarato Antonella Serpico a Casertanews – La mia intenzione è quella di scaglionare gli ingressi degli studenti, facendo ricorso ad orari diversi. Per fare ciò però c’è bisogno di una riorganizzazione dei trasporti, soprattutto per i tanti studenti che non provengono dal Capoluogo, che diversamente avrebbero difficoltà a raggiungere l’istituto. Su questo confido nel Comune e nella Regione, che ci dovranno dare una grossa mano".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Zona rossa, nuova ordinanza del sindaco: "Vietato circolare in auto ed a piedi nella zona urbana"

  • Vinto un milione di euro nel casertano

  • Il contagio dilaga nel casertano: 4 morti e 576 nuovi casi. Positivo un tampone su 3

  • Coprifuoco in Campania, De Luca firma l'ordinanza. Tutti a casa dopo le 23 per 20 giorni

  • Caserta piange altre 4 vittime ricoverate col coronavirus. Balzo dei contagi: altri 430 positivi

  • Avvocato multato per aver violato la "zona rossa"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CasertaNews è in caricamento