Blitz del sindaco nella Movida, commercianti furiosi: "Un intervento spot"

Il comitato contro De Cristofaro: “Si mobiliti seriamente per la questione della mala-movida”

Ha scatenato un vespaio di polemiche il blitz compiuto sabato sera dal sindaco di Aversa Enrico de Cristofaro tra i locali della Movida, dove ha accompagnato gli agenti della polizia municipale nei consueti controlli. Vigili e primo cittadino hanno ‘girato’ tra via del Seggio, via Salvo D’Acquisto e via Belvedere, dove sono stati elevati alcuni verbali per il mancato rispetto delle ordinanze su musica e orari di chiusura.

Proprio le zone controllate hanno provocato la dura reazione dei commercianti del centro storico. Il comitato Aversa Centro Commercio Vivo non ha infatti mancato di dare una bacchettata al sindaco: “Ci fa piacere sapere che il sindaco Enrico de Cristofaro e i vigili urbani abbiano effettuato controlli sulle zone interessate alla movida. Ci fa molto meno piacere riconoscere che in Piazza Vittorio Emanuele e nella centrale Piazza Municipio, sindaco e vigili al seguito, non si sono proprio visti poichè le stesse erano deserte a causa di scelte illogiche da parte di questa amministrazione”.Le “scelte illogiche” si riferiscono alla Ztl, da mesi al centro di una battaglia tra commercianti e amministrazione, con i primi che hanno chiamato in causa anche il prefetto di Caserta inviando una lettera di protesta.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“A differenza di strade come via Salvo D’Acquisto, via Raffaello, via Michelangelo, piazza Bernini, che invece brulicano di avventori con tutto ciò che ne consegue – accusano dal comitato di commercianti -  il centro città si svuota sempre più. Consigliamo al sindaco, invece di attivarsi con interventi spot mirati solo a gettare un po’ di fumo negli occhi a chi di dovere (Prefetto) e all'opinione pubblica informandola tempestivamente di queste attività che dovrebbero essere ordinarie, di mobilitarsi seriamente per la questione della "mala-movida", individuando chi sono i gestori disonesti che vendono alcool ai minori, i quali poi si cimentano in violente risse, non ultima quella di ieri sera, a far da testimonianza numerose presenze di ragazzini con volti tumefatti al pronto soccorso. I gestori "onesti" del Seggio ringraziano l'amministrazione comunale scrupolosa a far rispettare le ordinanze sulla musica e sulle chiusure dove anche per 5 minuti vedono comminarsi multe salatissime. Al contempo, riteniamo che si debba immediatamente intervenire su altri gestori che se non rispettano leggi perseguibili penalmente figurarsi rispettare semplici quanto giuste ordinanze sindacali”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bambino casertano di 3 anni trovato morto vicino al fiume

  • Coronavirus, contagiata una 16enne. Scuole chiuse: “Proroga inevitabile”

  • Coronavirus, contagiata donna di 40 anni: è in ospedale

  • Coronavirus, Annamaria non ce l'ha fatta. Muore dopo il ricovero

  • Coronavirus. Nuovi positivi a Capua, Francolise e Pietramelara

  • Muore 32enne in ospedale, effettuato il tampone

Torna su
CasertaNews è in caricamento