Consuntivo, l'ex sindaco attacca: "Il Comune spende quasi 30 euro al giorno di benzina"

Santoro: "Oltre 500mila euro ancora da incassare tra rifiuti ed Imu"

L'ex sindaco Michele Santoro

Voto contrario del gruppo consiliare Uniti per Baia e Latina sul conto consuntivo della gestione dell’esercizio finanziario 2019 del Municipio della piccola comunità della media valle del Volturno.  Nell’ultima seduta di Consiglio comunale, svoltasi nei giorni scorsi, la minoranza guidata dal capogruppo Michele Santoro ha espresso forti dubbi ed altrettante critiche sulle risultanze del documento contabile presentato in aula dall’amministrazione del sindaco Giuseppe Di Cerbo.

“A nostro parere, 9.081,36 euro per stampati e cancelleria, per un anno, appare una somma esagerata, come del resto appare esagerata la somma di 8.787,36 euro per carburanti combustibili e lubrificanti che, rapportati ad una spesa giornaliera, assommano a 29,88 euro al giorno. Per non parlare delle somme riportate quali residui attivi, cioè somme per le quali l’Amministrazione comunale non riesce ad incassare, dal 2016 ad oggi, sebbene vengano assicurati i servizi agli utenti. In particolare, vengono riportati a residui 359.825,11 euro per la Tassa Rifiuti solidi urbani, ed inoltre 198.009,79 euro per IMU dall’anno 2016. Del resto, come potevamo approvare noi della minoranza un rendiconto della gestione in cui vengono riportati tra i beni immobili di proprietà comunale la strada provinciale 289 Dragoni-Riardo. In sostanza, l’Amministrazione comunale non si è ancora resa conto che la Strada Provinciale 289 non è di proprietà comunale ma della Provincia di Caserta”, dichiara Santoro. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sull’approvazione del Regolamento per l’applicazione dell’imposta Municipale propria (I.M.U), il gruppo di minoranza ha rappresentato la necessità di una riduzione del 100% sulla base imponibile per tutti i fabbricati, certamente non pochi all’interno del Centro Storico, dichiarati inagibili o inabitabili e, di fatto, non utilizzati.  Di diverso avviso è stata la maggioranza che ha votato per una riduzione solo del 50% della base imponibile.  “Si è persa una storica occasione per sgravare i tanti proprietari di abitazioni abbandonate e fatiscenti da anni, che non vengono utilizzate in quanto inagibili e prive di qualsiasi utenza. Un capitolo a parte deve essere riservato alla richiesta del nostro gruppo Uniti per Baia e Latina di ridurre la Tariffa Raccolta e Smaltimento Rifiuti Solidi Urbani (Tari) in proporzione ai giorni di chiusura obbligatoria delle attività commerciali ed artigianali interessate dalle ordinanze governative e regionali. La maggioranza, per non discutere l’argomento, ha posto la questione pregiudiziale in quanto, secondo i consiglieri capeggiati dal sindaco Di Cerbo, sulla proposta non era stato apposto il parere del responsabile finanziario, quindi priva della copertura finanziaria. Ho fatto notare al Consiglio comunale che il mancato introito poteva benissimo essere finanziato dall’applicazione delle sanzioni alla società che gestisce la raccolta dei rifiuti per tutte le inadempienze contrattuali riscontrate, ma la maggioranza è rimasta sorda. Ci siamo riservati di riproporre l’argomento in una delle prossime sedute, per una più completa formulazione della proposta di delibera”, conclude l’ex sindaco Santoro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il coprifuoco di De Luca: stop agli spostamenti fra le province, attività chiuse dalle 23

  • Coprifuoco in Campania, De Luca firma l'ordinanza. Tutti a casa dopo le 23 per 20 giorni

  • Troppi contagi: "Marcianise sarà dichiarata zona rossa"

  • Il contagio dilaga nel casertano: 4 morti e 576 nuovi casi. Positivo un tampone su 3

  • De Luca firma un'altra ordinanza dopo il DPCM di Conte: aperti solo nido e asili, Elementari e Medie con la Dad

  • Nuovo record di contagi in un giorno: 321 nuovi casi e 2 morti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CasertaNews è in caricamento