Mercoledì, 17 Luglio 2024
Attualità Aversa

Consultorio chiuso e mamme inferocite: "Sperimentazione su pelle di cittadini e lavoratori"

Il riassetto dei servizi assistenziali con la fusione dei distretti 17 e 19 fa infuriare i sindacati autonomi: "Direttore ci convochi per chiarire la situazione"

"La sperimentazione si sta facendo sulla pelle di cittadini e lavoratori". Questo il commento di Salvatore Stabile, segretario provinciale della Fials, sulla riassetto dei servizi assistenziali territoriali che prevede la nascita e il potenziamento di nuove strutture intermedie come le case di comunità e che ha portato alla fusione - in fase sperimentale - dei distretti 17 e 19, cioè di Aversa e Lusciano. 

Fials, Nursind e Nursing up hanno inviato una dura nota (a firma dei segretari Salvatore Sabile, Eliseo e Nuzzo) al direttore generale dell'Asl Caserta Amedeo Blasotti, al direttore sanitario Saverio Misso, al direttore sanitario del distretto 17/19 Vincenzo Iodice ed al Prefetto di Caserta. I sindacati autonomi hanno ribadito "il pieno accordo con l'attuazione del progetto di sperimentazione" che non prevede, comunque, "chiusure di attività distrettuali, cosa che purtroppo, a discapito di tutti sta avvenendo nel distretto in questi ultimi giorni". Il riferimento è alla chiusura del consultorio di Trentola Ducenta (distretto 19) che ha lasciato come unico presidio quello di Aversa dove "neomamme con pargoli in fasce devono recarsi per ottemperare all'obbligo vaccinale previsto per legge". "La legge - prosegue Stabile - prevede un consultorio ogni 20mila abitanti mentre qui ne è attivo solamente uno per una popolazione di circa 130mila residenti tra Aversa e l'agro aversano". 

Altra questione quella relativa al personale. "La fusione dei due distretti sanitari ha comportato esclusivamente l’unitarietà della direzione e della gestione ma non ha in alcun modo avuto effetti sull'eventuale recupero di unità di personale", oggetto di una nota dei sindacati confederali (Cgil, Cisl e Uil) che hanno ribadito che l'accorpamento dei due distretti "ha permesso un recupero di unità di personale che in parte parteciperà a questa sperimentazione gestionale".

Fials, Nursind e Nursing up evidenziano i numeri: "Per quanto concerne gli infermieri da assegnare al distretto sanitario - prosegue la nota - il calcolo è effettuato moltiplicando 0,56 ogni mille abitanti, pertanto nel distretto sanitario saranno necessarie 78 unità". A queste ne vanno aggiunte altre 43 di famiglia o comunità. "Non ne sono in servizio nemmeno la metà - chiarisce Stabile - ma sono state recuperate risorse chiudendo attività distrettuali come il consultorio di Trentola Ducenta". Criticità che rischiano di aggravarsi con le ferie estive. 

"Ci auguriamo che il direttore generale Blasotti ci convochi per discutere questa situazione - concludono - Si reiterano le richieste di verifica degli organici nonché la sospensione dei provvedimenti di trasferimento di mobilità emessi", concludono. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Consultorio chiuso e mamme inferocite: "Sperimentazione su pelle di cittadini e lavoratori"
CasertaNews è in caricamento