Attualità

Consorzio Idrico nel mirino dell'Anac: sanzioni da 10mila euro

Il provvedimento dopo l'esposto della senatrice del Movimento 5 Stelle Vilma Moronese

L'esposto della senatrice Moronese alla base del provvedimento

Una nuova scure rischia di abbattersi sul Consorzio Idrico Terra di Lavoro. Dopo l'avvio dell'inchiesta della Corte dei Conti arriva anche un provvedimento dell'Anac che sta per emanare sanzioni, circa 10mila euro, per la mancanza di trasparenza nella gestione dell'Ente pubblico.

A renderlo noto è la senatrice del Movimento 5 Stelle Vilma Moronese che ricorda come "sulla anomala gestione amministrativa del Consorzio Idrico Terra di Lavoro avevo proceduto nel maggio del 2018 a redigere un esposto all’Autorità Anticorruzione guidata da Raffaele Cantone perché avevo riscontrato diverse irregolarità, ed oggi anche se a distanza di molti mesi, ho ricevuto la notifica dell’esito del procedimento di vigilanza da parte dell’ente che sta per emanare delle sanzioni nei confronti dei dirigenti del Consorzio". 

La senatrice, poi, aggiunge come "tra le numerose mancanze, in materia di trasparenza, che avevo riscontrato vi era la totale assenza dei compensi degli organi direttivi, ma anche del personale dirigente e molto altro che è stato puntualmente da me segnalato nell’esposto - continua Moronese - Quello che mi è stato comunicato dal Presidente dell’Anticorruzione Cantone, è che il procedimento a seguito dell’esposto si è concluso ed il Consorzio si è adeguato ad alcuni obblighi di pubbilicazione, ma contemporaneamente l’ente ha avvitato una procedura sanzionatoria che potrebbe portare ad elevare multe fino a 10.000 euro per i dirigenti che hanno omesso le informazioni che invece la legge prevedeva fossero rese pubbliche".

Le norme sulla trasparenza furono riordinate con un decreto legislativo nel 2013 e poi ancora nel 2016, e proprio quest’ultime modifiche introdussero nuovi elementi affinché l’ANAC potesse irrogare le sanzioni in modo diretto, fu così modificato l’art. 47 del d.lgs n. 33/2013 “sanzioni per la violazione degli obblighi di trasparenza per casi specifici” e l’ente guidato da Raffaele Cantone, si diede apposito regolamento che prevede nella seconda parte le procedure per avviare le sanzioni.

“Tutti sanno che il MoVimento 5 Stelle è una forza politica che da sempre ha condotto e sempre condurrà battaglie sulla trasparenza, perché i cittadini devono poter accedere liberamente a tutte le informazioni degli enti pubblici, chi gestisce i loro soldi e la cosa pubblica deve sempre renderne conto. Per quanto riguarda il CITL, tutti sappiamo che è un consorzio a cui i Comuni casertani possono aderire liberamente, se si ritiene che non sia idoneo a compiere i suoi doveri i Comuni che vi hanno aderito possono uscirne così come sono entrati se ci restano vuol dire che vi trovano convenienza, noi saremo comunque sempre qui a vigilare e a denunciare ogni violazione, da chiunque verrà fatta” conclude Moronese.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Consorzio Idrico nel mirino dell'Anac: sanzioni da 10mila euro

CasertaNews è in caricamento