Attualità

Il Consiglio approva il bilancio di previsione. Ora si punta all’apertura di un centro vaccinale

Approvato all'unanimità anche il Programma Triennale 2021-2023 dei Lavori Pubblici

La seduta di consiglio comunale online per via del Covid

Si è svolto lo scorso 19 aprile, con la modalità “a distanza” per via dell’emergenza sanitaria in atto, il consiglio comunale di Santa Maria a Vico. In apertura della seduta le comunicazioni del sindaco Andrea Pirozzi, che ha voluto fare il punto sull’andamento dei contagi da Covid-19. Ad oggi si registrano 140 positivi, 1.068 guariti e 17 deceduti. Ma il dato più interessante riguarda sicuramente la campagna vaccinale in corso: sono attualmente 3.904 i cittadini già vaccinati di cui 2.935 hanno già ricevuto la prima dose, circa il 21% della popolazione.

La discussione è entrata nel vivo con il Programma Triennale 2021-2023 dei Lavori Pubblici, approvato all’unanimità. Un’attività di programmazione molto importante e che ha visto l’amministrazione comunale impegnata attivamente anche sul fronte del contenimento della spesa. Un piano che interesserà l’intero territorio comunale ma, in modo particolare, le frazioni. Tra i progetti principali: l’ampliamento della rete fognaria e la realizzazione, dopo quasi quarant’anni, del collettore. E ancora: un’isola ecologica nella zona industriale, interventi di efficientamento energetico (sostituzione dell’impianto di pubblica illuminazione) e di rifacimento dell’intera rete idrica; un piano straordinario per il miglioramento della viabilità cittadina con la riqualificazione di tutte le ex Strade Provinciali per un importo complessivo di oltre 6 milioni di euro e la realizzazione di una strada “alternativa” alla Nazionale. La strada di collegamento tra Rosciano e Crisci; la superpanoramica che da Monticelli porta a Maielli e Papi e la realizzazione di interventi di riqualificazione per l’ingresso del Cimitero con la costruzione di nuovi loculi. Risposte importanti anche sul fronte scolastico con la messa in cantiere di opere di manutenzione per il plesso di Fruggieri e con l’avvio dei lavori per la “cittadella scolastica”, un’opera strategica che proietta Santa Maria a Vico nel futuro. Avviata anche la riqualificazione completa dello stadio comunale. A breve, inoltre, sarà consegnato il nuovo palazzetto dello sport. La vera rivoluzione interesserà la macchina amministrativa con l’assunzione, nel 2021, di 13 unità a tempo indeterminato e otto a tempo determinato. “Nonostante le difficoltà del momento - ha rimarcato il sindaco Andrea Pirozzi - il nostro impegno non è venuto meno e abbiamo elaborato un percorso che, in breve tempo, porterà ad una vera riqualificazione del nostro territorio”.

Disco verde anche per il bilancio di previsione 2021-2023. “Un documento - come lo ha definito l’assessore delegato, Michele Nuzzo - improntato ad una sana, prudente, ambiziosa ma concreta programmazione economico e finanziaria, che pone le basi per il futuro operare dell’amministrazione”. Anche quest’anno, beneficiando di fondi trasferiti per oltre 687mila euro, sono stati previsti aiuti economici per famiglie, imprese e associazioni che a causa della pandemia hanno subito disagi importanti. Confermate anche le aliquote e tariffe 2020. Con una riduzione progressiva della Tari in linea con la riduzione del canone unico patrimoniale per l’occupazione dei suoli e degli spazi pubblici e per le esposizioni pubblicitarie. Allo stesso tempo sarà potenziato l’Ufficio Tributi per contrastare il fenomeno dell’evasione, con l’obiettivo di ridurre ulteriormente le tasse. Nella fase conclusiva della seduta il consiglio ha approvato i debiti fuori bilancio ed il nuovo regolamento per l’utilizzo del sistema di videosorveglianza sul territorio comunale, esposto dall’assessore delegato, Giuseppe Nuzzo: “L’uso delle telecamere è sicuramente fondamentale per migliorare il livello di sicurezza nella nostra città ma è necessario provvedere da subito ad un adeguamento delle norme che regolano l’utilizzo di questo sistema per quanto riguarda soprattutto il trattamento dei dati personali dei cittadini”.

Due le mozioni presentate dall’opposizione. La prima, a firma di Igino Nuzzo per Fratelli d’Italia contro l’utilizzo di termini di origine straniera nella pubblica amministrazione, è stata respinta. Del resto, come illustrato dall’assessore alla Pubblica Istruzione, Clemente Affinita “si tratta di un argomento sul quale il Comune non ha alcuna competenza per intervenire”. Ritirata, invece, quella presentata dal gruppo “Città di Idee” per la individuazione di una struttura comunale da adibire a centro vaccinale anti Covid-19. Decisione scaturita poiché l’amministrazione comunale già dallo scorso mese di marzo ha avviato una regolare procedura attraverso gli organi competenti avente lo stesso fine. All’interrogazione, infine, presentata dal consigliere Cesare Piscitelli del Movimento Cinque Stelle sulla questione dell’eliminazione delle barriere architettoniche ha risposto l’assessore delegato, Veronica Biondo, precisando che “il piano di eliminazione delle barriere è stato approvato a dicembre scorso e prevede, inoltre, la costituzione di un osservatorio sulle disabilità per poter avviare a breve una concertazione allargata ed individuare tutti i punti di criticità presenti sul territorio ed una stima dei costi relativamente alla loro loro rimozione”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Consiglio approva il bilancio di previsione. Ora si punta all’apertura di un centro vaccinale

CasertaNews è in caricamento