Venerdì, 17 Settembre 2021
Attualità Castel Volturno

Sei consiglieri chiedono le dimissioni dell'assessore Carusone

Cimitero nel degrado, affondo sulla delegata della giunta: "Torni a brillare nelle sale da ballo della sua città"

Antonietta Carusone con Salvatore Mastroianni e Nicola Molteni

Un affondo durissimo quello lanciato dai consiglieri comunali di opposizione a Castel Volturno Peppe Scialla, Dario Napoletano, Vincenzo Riccardo, Rosa Raimondo, Anastasia Petrella e Nicola Oliva che hanno chiesto le dimissioni dell’assessore Antonietta Carusone.

“Qualche giorno fa - si legge nella lettera inviata alla delegata della giunta Petrella - c’è stato un momento di intenso dolore perché abbiamo celebrato il funerale del nostro amico Michele Mattei. Al dolore della perdita si è aggiunto lo sconcerto e lo schifo per aver lasciato il feretro di Michele nella cappella cimiteriale le cui indecenti condizioni di igiene possono essere facilmente constatate. Sporcizia incrostata, vetrate opacizzate dalla polvere, festoni di ragnatele ai soffitti e sulle vetrate ed un tappeto di escrementi di piccione sono stati il cerimoniale di accoglienza per Michele e per chi lo piangeva. In queste condizioni, purtroppo, non versa soltanto la cappella ma moltissime delle strutture del cimitero nuovo che fu riqualificato nel 2019. La nuova amministrazione, di cui lei, purtroppo, fa parte, aveva ereditato un gioiello appena terminato. Dobbiamo constatare che dopo soli 2 anni avete battuto ogni record di incuria. Quella dignità è stata persa”.

E qui arriva l’affondo diretto: “Lei è totalmente assente dal territorio: non lo vive, non lo conosce, non le interessa, non lo ama. Quando le persone devono risolvere un problema nel cimitero, non si rivolgono a lei perché non sanno lei chi sia e non riescono a trovarla. Sistematicamente queste persone vengono dirottate all’onnipresente assessore Marrandino che è costretto, gli va dato atto, a coprire i vuoi lasciati dai colleghi assessori assenti. Ma proprio queste distrazioni dell’assessore all’Ambiente Marrandino, che non si concentra soltanto sulle sue deleghe, sono pagate care e amare dal territorio”.

Per i consiglieri di opposizione, sulla scelta della Carusone “sicuramente avrà pesato che è la sorella del coordinatore provinciale casertano della Lega Giovani, Renzo Carusone. Sicuramente avrà inciso pesantemente sulla sua nomina il coordinatore provinciale della Lega Salvatore Mastroianni, che è di Santa Maria Capua Vetere come lei. Ma è evidente che questo debito il sindaco Petrella lo sta facendo pagare ai cittadini castellani. La sua presenza si concretizza solo a fine mese, quando incassa l’indennità di 1100 euro sottraendo ai castellani risorse finanziarie che potrebbero trovare migliore impiego. Assessore Carusone, faccia un gesto concreto, si dimetta. Torni a brillare nelle sale da ballo della sua città, sicuramente la apprezzeremo tutti di più”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sei consiglieri chiedono le dimissioni dell'assessore Carusone

CasertaNews è in caricamento