Condanna milionaria per il Comune, la Cassazione respinge l’ultimo ricorso

Ora il debito dovrà essere riconosciuto in Consiglio e pagato

Il Comune di Marcianise

Un’altra mazzata per le casse del Comune di Marcianise. Un altro debito che arriva da lontano e che adesso costringerà l’Ente a doversi sobbarcare una spesa di circa un milione di euro. E’ quello che è stato certificato dalla sentenza della Corte di Cassazione ufficializzata a fine settembre che riguarda l’esproprio dei terreni per la realizzazione di fabbricati di edilizia popolare nell’ambito del piano di zona per edilizia economica realizzato dal Comune di Marcianise insieme alle Cooperative Irec tra la fine degli anni ’70 e gli anni ’80.

L’ultimo tentativo del Comune, che si era affidato all’avvocato Antonio Lamberti, è cozzato sui giudici ermellini che hanno respinto il ricorso, confermando le sentenze di primo e secondo grado che avevano visto vincere i proprietari dei terreni. Ora toccherà ai consiglieri comunali “riconoscere” la sentenza e dare il via libera alla liquidazione della somma ai ricorrenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vince il concorso ma rinuncia al lavoro in Comune a tempo indeterminato

  • Klaus Davi fa ballare la techno al figlio di Sandokan per pubblicizzare il nuovo libro | VIDEO

  • Nel casertano un salvadanaio da 2,4 milioni di euro depositati alle Poste

  • Vincita da 10mila euro: festa in ricevitoria

  • Ex carabiniere si lancia con l'auto contro la caserma: fermato

  • Lutto a scuola, muore professoressa di 56 anni

Torna su
CasertaNews è in caricamento