Attualità

Concorsone in Regione: stop dal Tar durante gli scritti

I giudici accolgono l'istanza cautelare: mancato rispetto dell'anonimato nel corso della prova preselettiva

Tutto sospeso. Arriva lo stop del Tar per il concorsone della Regione Campania, proprio in concomitanza con l'inizio della seconda prova dopo le preselezioni. 

Per i giudici, riferiscono i colleghi di NapoliToday, "sussistono i presupposti per l'accogliemento dell'istanza cautelare". Alla base del ricorso, presentato dallo studio legale Leone Fell & C. per conto di diversi candidati esclusi, il presunto mancato rispetto del principio dell'anonimato per le prove preselettive.

"Si tratta di garanzie procedurali che consentono la parità di trattamento tra i candidati e la valutazione obiettiva dei loro elaborati", spiegano i legali cui si deve il ricorso, ovvero "il rispetto del principio risponde all’esigenza di salvaguardare la segretezza degli autori delle prove scritte fino a quando la correzione non sia stata ultimata".

Tutto fermo, dunque, fino ad ottobre quando i giudici entreranno nel merito. Una doccia fredda per i numerosi partecipanti casertani che avevano passato la prova preselettiva e si approssimavano allo scritto. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Concorsone in Regione: stop dal Tar durante gli scritti

CasertaNews è in caricamento