rotate-mobile
Attualità Aversa

Scandalo furbetti ed esposto in Procura: la commissaria valuta lo stop ai concorsi interni

Clima al veleno in municipio. Basilicata pronta a ritirare i bandi per procedere con assunzioni esterne

Niente concorsi interni a favore di assunzioni esterne. Questa l’idea che starebbe valutando il commissario straordinario Gerardina Basilicata che starebbe vagliando l’ipotesi di annullare il bando per 15 progressioni verticali e 26 prolungamenti di orari per gli ex lsu.

I bandi

La ristrutturazione della pianta organica del Comune di Aversa è partita dopo l’ok della Commissione per la stabilità degli enti locali (intervento necessario dato che il Comune di Aversa si trova in una procedura di Piano di Riequilibrio Finanziario Pluriennale) in seguito all’approvazione del Piano Triennale del fabbisogno di personale e del Regolamento per le progressioni verticali. In realtà non sono delle vere e proprie assunzioni in quanto l’avviso pubblico è riservato a chi è già dipendente del Comune di Aversa. Il primo è relativo alla procedura integrazione oraria per 13 dipendenti dal 50% all’80,5% e 13 dipendenti dal 50% al 61% per il personale del Comune di Aversa già in servizio a tempo indeterminato con orario di lavoro part-time al 50%. E poi c’è il secondo avviso che prevede la copertura di 4 posti a tempo pieno e indeterminato per il passaggio dall’Area degli Operatori Esperti (ex cat. B) all’Area degli Istruttori (ex cat.C), 10 posti dall’Area degli Istruttori Amministrativi (ex cat. C) all’Area dei Funzionari e E.Q. Amministrativi (ex cat.D) e 5 posti dall’Area degli Istruttori di Vigilanza (ex cat. C) all’Area dei Funzionari e E.Q. Area Vigilanza (ex cat.D).

A giudicare i più meritevoli nell’ambito della procedura comparativa per la progressione tra le aree “speciali” riservata al personale di ruolo dell’Ente, ci saranno il dirigente all’area Servizi al Cittadino Giovanni Gangi (da pochi giorni rientrato in servizio dopo la sospensione disciplinare nell’indagine sui ‘Furbetti del Cartellino’) in qualità di presidente; i funzionari Giuseppe Pannullo e Rosa Mosca e l’istruttore amministrativo Rosa Fabozzi in qualità di segretario di commissione.

L’indagine sui ‘Furbetti del cartellino’ e l’esposto dei vigili

Nei prossimi giorni, come detto, la commissaria Basilicata potrebbe procedere al ritiro dei due avvisi in favore di nuove assunzioni. Due i motivi che porterebbero questa decisione. In primis l’indagine sui ‘Furbetti del Cartellino’ che ha coinvolto 22 dipendenti comunali. La scorsa settimana la Procura della Repubblica ha notificato agli interessati la conclusione delle indagini e ci vorranno ancora mesi prima di sapere che cosa succederà anche per i dipendenti che sono stati colpiti dal divieto di dimora e dal successivo provvedimento disciplinare. Nei giorni scorsi al dirigente Giovanni Gangi, rientrato in servizio dopo la sospensione disciplinare, sono state riassegnate solo una parte delle deleghe. Gangi infatti, si occuperà di Servizi al Cittadino mentre l’Area di Vigilanza ed Attività produttive restano, ad interim, al segretario generale Giovanni Schiano di Colella. La decisione, però, potrebbe non essere definitiva ed a breve potrebbero esserci nuovi sviluppi.

Tornando al bando per le progressioni verticali è stato accolto in un primo momento con favore dalla polizia municipale dato che all’interno dello stesso sono previste cinque figure di istruttori di vigilanza. Figure fondamentali dato che, al momento, il Comando della polizia municipale ne è totalmente sprovvisto. Al momento il comando dei vigili è coordinato dal luogotenente Francesco Sparapano, (fino a fine marzo) a cui sono state assegnate mansioni superiori proprio in virtù della carenza di personale presso l’Area Vigilanza e nella vacanza in organico di un posto di categoria D. Sparapano è il vice di Antonio Oliva, il coordinatore reggente della municipale. I vigili con un esposto inviato alla procura della Repubblica di Napoli Nord ed all’Anac avrebbero contestato i criteri per le progressioni verticali.

In Comune, quindi, c’è un clima di tutti contro tutti. Dipendenti contro i colleghi della municipale, vigili contro amministrativi con il risultato che il commissario potrebbe far saltare tutti gli avvisi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scandalo furbetti ed esposto in Procura: la commissaria valuta lo stop ai concorsi interni

CasertaNews è in caricamento