rotate-mobile
Attualità Santa Maria Capua Vetere

"Colloqui whatsapp per i detenuti ed agenti senza riposo", la denuncia del sindacato

Protestano le guardie penitenziarie di Santa Maria Capua Vetere: "Dopo 12 ore non viene concesso il turno di smonto"

Se da un lato sono stati attivati i colloqui via Whatsapp per i detenuti del carcere di Santa Maria Capua Vetere dall'altro sono aumentati i turni per gli agenti della penitenziaria ai quali non viene permesso congedo o riposo.

A darne notizia sono i Dirigenti SIPPE (Sindacato Polizia Penitenziaria) Michele Vergale e Sabrina Megna che da sempre si trovano in prima linea a difesa dei Poliziotti Penitenziari. "Apprezziamo la sospensione dei colloqui visivi fisicamente tra i detenuti con i loro famigliari – commentano i sindacalisti Vergale e Megna - dovuta per prevenire il contagio e la diffusione del COVID-19, ma come sindacato non possiamo accettare il fatto che la Direzione per sopperire al servizio delle videochiamate Whatsapp fino alle 20, deve spremere il personale costringendolo a rimanere in servizio oltre le 12 ore, con l’aggravante di essere rimpiegato nuovamente in servizio nel giorno successivo, anziché farlo fruire dello smontante – Recupero Ore Lavorative".

"E’ uno scandalo – continua Vergale - che la Direzione per consentire ai detenuti di avere le videochiamate Whatsapp fino alle ore 20.00, nega al personale di Polizia Penitenziaria di fruire dello smontante – Recupero Ore Lavorative - e del congedo ordinario richiesto, quando alla data del 27/03/2020 sembrerebbe che sia già stato svolto circa 70 ore di straordinario. Il Direttore della Casa Circondariale di Santa Maria Capua Vetere deve capire che gli Agenti di Polizia Penitenziaria hanno dei limiti umani, soprattutto in questo delicato periodo. Non possono essere utilizzati come robot, oltretutto, senza una ricarica, senza quelle batterie energetiche rappresentate dalla famiglia e dalle persone care. Non solo doveri, ma anche diritti. Abbiamo scritto al Provveditorato per la Regione Campania, - conclude Megna - per chiedere un suo autorevole intervento, al fine di regolarizzare agli Agenti una adeguata turnazione di servizio, in modo tale, che possono garantire le videochiamate Whatsapp fino alle ore 20.00 rispetto dell’orario di servizio giornaliero previsto dalle normative vigenti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Colloqui whatsapp per i detenuti ed agenti senza riposo", la denuncia del sindacato

CasertaNews è in caricamento