rotate-mobile
Sabato, 15 Giugno 2024
Attualità

"No fake in Italy", blitz della Coldiretti a un camion di concentrato di pomodoro cinese

Giuseppe Miselli, direttore della federazione casertana: "È fondamentale rimanere vigili e proteggere i nostri agricoltori da queste pratiche che poco hanno a che fare con il nostro amato Bel Paese"

La mobilitazione contro il cibo contraffatto che ha fatto tappa a Salerno ha visto la partecipazione di una delegazione di Coldiretti Caserta.

Massiccia la presenza dei soci delle federazioni di tutta la Campania. Una lotta comune per difendere i prodotti italiani dalla concorrenza sleale che da tutto il mondo prova a minare l'originalità e la qualità del cibo della Penisola.

La campagna di Coldiretti “No fake in Italy” ha già portato a rilevanti scoperte, come il caso del pomodoro San Marzano olandese, rinvenuto durante un'ispezione al valico del Brennero alla quale Coldiretti Caserta ha partecipato assieme alle federazioni dello stivale, supportando le attività delle forze dell'ordine.

Emblematico il blitz via mare di pochi giorni fa, dove gli 'attivisti' in giallo Coldiretti hanno intercettato un importante carico di concentrato di pomodoro in arrivo sulle nostre tavole direttamente dalla Cina.

"È fondamentale rimanere vigili e proteggere i nostri agricoltori da queste pratiche che poco hanno a che fare con il nostro amato Bel Paese". Ha così commentato il direttore della federazione di Coldiretti Caserta, Giuseppe Miselli, presente alla mobilitazione di Salerno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"No fake in Italy", blitz della Coldiretti a un camion di concentrato di pomodoro cinese

CasertaNews è in caricamento