rotate-mobile
Attualità Castel Volturno

"Aspettiamo i 20 poliziotti in più annunciati da Piantedosi, sperando non sia la solita passerella"

A parlare il presidente di Città Domitia Cesare Diana

Le parole pronunciate lunedì, a margine del comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, dal ministeo dell’Interno Matteo Piantedosi, sono sicuramente una buona notizia per Castel Volturno. L’annunciato arrivo di circa 20 unità delle forze dell’ordine, o l’attenzione sugli abbattimenti degli immobili abusivi fanno ben sperare.

"Se il buongiorno si vede dal mattino, a Castel Volturno è sorto finalmente il sole. Venti agenti di polizia in più da assegnare in modo strutturale, più attenzione al tema degli abusi edilizi e ai relativi abbattimenti, controlli serrati sull'immigrazione irregolare, sono gli impegni presi dal Ministro Piantedosi.Il Capo del Viminale intende colmare le carenze di organico, garantendo 24 ore su 24 gli interventi che in questo momento sono delegati ai Carabinieri di Mondragone, dalle 16 alle 8 del mattino successivo. Un buco - che crea non pochi problemi ai cittadini. Con la Tenenza dei Carabinieri a Pinetamare si completerebbe finalmente il piano sicurezza”, dice Cesare Diana, Presidente di "Città Domitia”.

"Sulla questione degli abbattimenti invece, - continua il professionista - c'è ben poco da stare sereni, dal momento che il Comune con la mancanza di controllo del territorio e i suoi tempi biblici ha determinato una situazione difficile da districare. Speriamo che il Ministro adesso faccia il miracolo. Per quanto riguarda l'immigrazione irregolare, piaga storica di questo comune, i soli controlli – aggiunge - purtroppo non crediamo risolvano il problema. Nel caso in cui venga fermato un extracomunitario senza permesso di soggiorno cosa si fa? Non ha documenti, bisogna portarlo al centro di identificazione ed espulsione più vicino (i CIE oggi sono 5: Roma, Caltanissetta, Bari, Torino, Trapani) ergo Bari, ove rimane fino all'identificazione e all'espulsione. È facile intuire che tecnicamente ci vogliono mesi. Affrontare il problema significa aumentare i CIE e non solo. Con coloro che vivono in Italia e a Castel Volturno da anni, i cui figli sono nati e cresciuti nel nostro Paese, cosa si fa? Espellere i genitori non sembra verosimile. La nostra proposta è chiara, poche leggi efficaci e pene certe per i trasgressori, strutture e risorse per un comune che di fatto ha 50.000 abitanti. Occorre - conclude - equiparare l'Ente a città di pari dimensioni e popolazione, questa è l'unica soluzione tutto il resto è passerella. Aspettiamo i 20 poliziotti per capire se il sole è finalmente sorto a Castel Volturno o se era la solita flebile luce dei riflettori in passerella".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Aspettiamo i 20 poliziotti in più annunciati da Piantedosi, sperando non sia la solita passerella"

CasertaNews è in caricamento