rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022
Attualità Alvignano

Gestione delle lampade votive al cimitero: il sindaco annulla il bando

Il consigliere indipendente Pietro Civitillo: "Meglio tardi che mai, il sindaco si smentisce e mi dà ragione sulle anomalie"

Si sblocca la questione della gestione delle lampade votive per il cimitero di Alvignano. Il consigliere indipendente Pietro Civitillo: "Meglio tardi che mai, il sindaco si smentisce, mi dà ragione e annulla il bando".

L'ex assessore sottolinea: "Il sindaco di Alvignano, dopo esattamente un anno, ha annullato il bando per l’affidamento del servizio della gestione delle lampade votive nel nostro cimitero recependo l’istanza presentata dal sottoscritto. Il sindaco Marcucci, nella determina 114 dello scorso 4 marzo, riconosce come si sia proceduto all’annullamento della manifestazione di interesse a seguito della mia segnalazione sul numero delle lampade messe a gara che era nettamente inferiore a quelle che realmente sono presenti nel cimitero. Il sindaco riconosce il mio lavoro facendo scrivere dai suoi tecnici esplicitamente 'che a seguito di segnalazioni da parte di un consigliere comunale si è provveduto a sospendere la procedura surrichiamata e ad effettuare sopralluogo presso il civico cimitero comunale al fine di valutare l’effettivo numero di utenze (lampade votive)' e allo stesso tempo smentisce se stesso quando ha affermato nei mesi scorsi che mi avrebbe revocato l’incarico da vicesindaco a causa del mio poco impegno in Comune. Se non mi fossi impegnato certo non mi sarei accorto dopo soli due giorni, come è successo agli altri componenti della giunta, dei clamorosi errori presenti nel bando".

Civitillo agigunge: "Il Comune ha pubblicato tutti gli atti del bando con le determine 138 del 12 marzo 2021 e 143 del 16 marzo 2021 e che io ho protocollato una lettera il 18 marzo 2021 nella quale ho evidenziato anomalie presenti negli atti, a cominciare da un numero inferiore di lampade messe a gara, 500, che è poi stata richiamata dopo un anno, con determina 114 del 4 marzo 2022, per annullare le procedure e pubblicare il nuovo bando. Mi auguro che il sindaco spieghi alla nostra comunità come mai per darmi ragione ci abbia impiegato un anno così come mi auguro che spieghi alla nostra comunità il perché in un primo momento il servizio sarebbe stato affidato attraverso una manifestazione di interesse e oggi con una gara a procedura aperta. Allo stesso modo spero che il sindaco dica agli alvignanesi, trattandosi dei loro soldi, perché nella procedura di un anno fa veniva messo a gara un appalto di tre anni e oggi tale appalto diventa di tre anni rinnovabile per ulteriori tre più sei mesi per consentire le procedure di un nuovo bando, quindi in totale sono sei anni e mezzo".

E ancora: "Gli alvignanesi meritano chiarezza in quanto le anomalie e le stranezze in questa vicenda sono tante. Basterebbe pensare che il nuovo bando di gara viene pubblicato tre giorni dopo la mia richiesta di accesso agli atti sulle procedure di gara ferme da un anno. Spero che il sindaco ci spieghi dal primo gennaio 2022 chi gestisce il servizio delle lampade votive visto che, dopo un ventennio di proroghe, di cui in questo caso non c’è traccia negli atti del Comune, finalmente non è più possibile affidare il servizio senza una regolare gara, tenuto conto che qualche cittadino ha detto pubblicamente di aver pagato anche per l’anno in corso".

Poi Civitillo conclude: "Questa questione, come altri aspetti contabili, sono stati oggetto di una dettagliata richiesta di accesso agli atti che ho segnalato anche al prefetto. Staremo a vedere, io non abbasso la guardia".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gestione delle lampade votive al cimitero: il sindaco annulla il bando

CasertaNews è in caricamento