Attualità

"Terreni inquinati", revocati gli orti sociali a 12 persone

L'ordinanza del sindaco dopo l'inchiesta sulla 'piscina rossa'

“Divieto di uso a scopo agricolo o ad uso verde pubblico”. Il sindaco di San Nicola la Strada Vito Marotta chiude di fatto l’esperimento degli orti sociali, piccoli appezzamenti di terreno destinati a 12 anziani che ne avevano fatto richiesta d’uso negli anni scorsi, a seguito di analisi che hanno evidenziato il superamento della soglia di contaminazione dei terreni per berillio e PCB.

Una decisione presa a seguito del sequestro dei pozzi in zona ex Saint Gobain per l’inchiesta sulla ‘piscina rossa’, dove carabinieri e Procura avevano rilevato a febbraio una contaminazione da arsenico, sostanza nota per la sua elevata tossicità, con valori che in un pozzo che erano arrivati a superare di 850 volte i valori previsti per tale sostanza.

Il divieto di uso a scopo agricolo del terreno utilizzato per l’iniziativa “Orto degli amici” ha però fatto storcere il naso a più persone. L’ordinanza del sindaco, datata 6 marzo, fa infatti riferimento ad analisi del 2017, con un provvedimento che arriva quindi in notevole ritardo.

Da notare che l'acqua non è inquinata, ma sarebbero i terreni da quello che emerge dall'ordinanza. Ed gli 'agricoltori di casa' ci sono rimasti non poco male visto che gli atti a cui si fa riferimento nell'ordinanza del sindaco sono di diverso tempo fa ma solo oggi arriva il provvedimento

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Terreni inquinati", revocati gli orti sociali a 12 persone

CasertaNews è in caricamento