Domenica, 16 Maggio 2021
Attualità

Chiusa l'azienda della 'puzza', il sindaco: "Finalmente"

Velardi commenta il blitz di Pascarola: "Presto i dati delle centraline Arpac, verremo a capo dei cattivi odori"

Il sindaco di Marcianise Velardi

Esulta il sindaco di Marcianise Antonello Velardi per il sequestro e la chiusura della Mi.So. di Pascarola ritenuta dal primo cittadino una delle cause dei cattivi odori che si sentono nelle notti in città e che hanno dato il via alle ormai famore ronde antipuzza da parte degli esponenti dell'esecutivo ed all'installazione di centraline Arpac, disseminate sul territorio, per monitorare la qualità dell'aria.

Nella giornata di ieri il blitz dei carabinieri che hanno sequestrato, e chiuso, l'azienda che opera nella zona industriale di Caivano e "che è molto nota perché tratta grassi e carcasse di animali, trasformandoli in prodotti finiti, oltre che essere deposito di oli esausti", dice Velardi. Ma non solo. L'azienda, prosegue il sindaco, "è conosciuta soprattutto perché era inavvicinabile: a determinate ore del giorno, e della notte, emanava una puzza insopportabile. Una puzza che vagava nell'aria e arrivava ovunque, a Marcianise in modo particolare".

I militari hanno eseguito un provvedimento della procura di Napoli Nord per gravi violazioni ambientali. "Non conosco nel dettaglio queste violazioni e quindi non giudico. Dico soltanto: finalmente. Finalmente qualcosa si è mosso. Il blitz dei carabinieri fa seguito ad alcune ispezioni eseguite nel corso delle ultime settimane dagli stessi carabinieri e dai tecnici dell'Arpac, nell'ambito di una serie di controlli in materia ambientale disposti dal procuratore Francesco Greco. A tutti coloro che hanno operato va il nostro grazie", scrive ancora il primo cittadino in un lungo post su Facebook.

"Non so - prosegue - se quest'azienda sia l'unica fonte delle puzze continue avvertite anche negli ultimi giorni sul territorio di Marcianise. Penso di no, nel senso che le fonti sono diverse, includendovi sia i Regi Lagni, sia tutti gli impianti posti a ridosso della città ove vengono trattati rifiuti, ecoballe comprese. So però che finalmente c'è un'attenzione diversa nei confronti del problema, un'attenzione corale che interessa più soggetti e più enti. Si sta facendo molto, ne verremo a capo. Tra poco i tecnici dell'Arpac esamineranno i risultati dei rilievi fatti dalle centraline piazzate su tutto il territorio di Marcianise: i dati ci faranno capire ancora di più. E' solo questione di tempo, bisogna avere fiducia. Anche perché c'è da recuperare molto tempo perduto a fare chiacchiere e a lasciare spazio ai criminali".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Chiusa l'azienda della 'puzza', il sindaco: "Finalmente"

CasertaNews è in caricamento