Attualità

Proroga di 2 anni alla cava “grazie” al Policlinico ancora chiuso

La Regione autorizza Luserta sulla base di una sentenza del Tar

Nella cava Luserta si potrà continuare a lavorare per altri due anni. La Regione Campania ha concesso, infatti, una ulteriore proroga alla ditta “Luserta Luigi srl” sulla base di una sentenza del Tar Campania del febbraio 2020 che viene ripresa proprio nell’atto firmato dal dirigente regionale Nicola Di Benedetto.

Ma cosa dice la sentenza dei giudici amministrativi? Afferma che siccome il Policlinico di Caserta ancora non è attivo non si può vietare il lavoro nella cava.

“Le attività - scrivevano in giudici - che, in mancanza di diversi e più imminenti interessi pubblici da tutelare, quale è l'apertura del Policlinico possono ritenersi comunque da considerarsi necessarie ai fini della bonifica e recupero ambientale del territorio. Non vi è infatti alcuna prova del funzionamento del Policlinico di Caserta, circostanza negata dalla ricorrente (la ditta Luserta, nda) non smentita dalla Regione”.

La proroga dell’autorizzazione nella cava prevede la possibilità di portare avanti il progetto di recupero ambientale, con interventi di messa in sicurezza del “diaframma roccioso che separa la cava Luserta alla cava abbandonata su via Montagna” e recupero ambientale di tutta l’area.

Facile pensare, a questo punto, che le attività potranno andare avanti fin quando il cantiere del Policlinico non sarà chiuso definitivamente e si potrà iniziare a vedere lavorare medici ed infermieri.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Proroga di 2 anni alla cava “grazie” al Policlinico ancora chiuso

CasertaNews è in caricamento