Domenica, 16 Maggio 2021
Attualità

Cartelloni pubblicitari selvaggi, esposto 5 Stelle ai carabinieri

Gli attivisti passano all'attacco dopo il silenzio dell'amministrazione

L'esposto del Movimento 5 Stelle

Esposto ai carabinieri per la questione dei "cartelloni pubblicitari selvaggi". E' questa l'iniziativa del Meetup "Amici di Beppe Grillo Maddaloni" dopo il silenzio serbato dalle istituzioni sulle diverse segnalazioni da parte del Movimento.

Secondo quanto fanno sapere gli attivisti, a Maddaloni "l'80% dei cartelloni pubblicitari, oltre a non essere stato autorizzato dal Comune, non è conforme al Codice della Strada". Per questo motivo già nel settembre del 2017 il meetup aveva chiesto al Commissario Prefettizio del Comune informazioni sulle autorizzazioni e sull'eventuale esistenza di un regolamento.

La risposta fu affidata ad un assordante silenzio. Così nell'agosto del 2018 la portavoce del Movimento 5 Stelle in Consiglio Comunale aveva presentato un'interrogazione al Sindaco "in cui si chiedevano informazioni inerenti ai controlli effettuati, alla vigilanza prevista e alla reale entità degli incassi a titolo di canoni e imposte sulla pubblicità. Nel Consiglio Comunale del 15 Marzo 2019 si è espresso il vice Sindaco affermando che l’amministrazione si sarebbe impegnata a prendere provvedimenti, sottolineando che la problematica era all'attenzione della Prima Commissione Consiliare con la stesura di un regolamento", proseguono gli attivisti..

"Considerato che alla data odierna, con il regolamento in vigore, nessun provvedimento sostanziale è stato adottato dall'Amministrazione Comunale, né tantomeno dagli organi competenti del Comune di Maddaloni, è stato depositato un esposto presso la Caserma dei Carabinieri di Maddaloni, indirizzato alla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere, per portare la problematica all'attenzione dell’Autorità, affinché termini l’illecito", concludono.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cartelloni pubblicitari selvaggi, esposto 5 Stelle ai carabinieri

CasertaNews è in caricamento