Caos nel cantiere rifiuti, la Fiadel denuncia "pressioni" sui dipendenti

Il sindacato del dirigente Guarino attacca la Buttol e chiede l'intervento urgente del sindaco Giovanni Ferrara

Il dirigente provinciale della Fiadel e il sindaco di San Felice a Cancello

Ancora nervi tesi sul cantiere dei rifiuti di San Felice a Cancello, ad una settimana dallo sciopero del 18 e 19 novembre proclamato dai sindacati. La possibilità che la raccolta rifiuti in città si possa fermare per quasi una settimana è piuttosto alta.

"La Buttol prosegue sulla via della prepotenza e dell’arroganza, infatti, alcuni lavoratori riferiscono di essere vittime di continue pressioni e ritorsioni da parte dei responsabili del servizio - sottolinea in una nota la Fiadel Caserta del dirigente provinciale Giovanni Guarino - L’intera organizzazione di lavoro, predisposta per effettuare la raccolta dei rifiuti, viene disposta seguendo un criterio non appropriato, sbilanciando fortemente il carico di lavoro che pende maggiormente sui lavoratori iscritti al nostro sindacato".

"Le persecuzioni non sono più tollerabili - continua la nota - L’azienda, nonostante sia stata più volte sollecitata, per riequilibrare le zone di raccolta, garantendo a tutti un’equa ripartizione dei carichi di lavoro, continua a sottrarsi al confronto ed alla condivisione di tematiche generate in gran parte dalla precedente gestione. Dopo lo sciopero del 18 e 19 novembre prossimo, i disagi dureranno giorni prima che venga tutto ripristinato, poiché, è stato indetto anche quello per lo sciopero che durerà dal 19 al 24 novembre. Siamo dispiaciuti gl’incolpevoli cittadini di San Felice a Cancello, ma la colpa di tutto questo è da attribuire solo ed esclusivamente alla Buttol, espressione di prepotenza unica nel settore rifiuti tanto che non si ricordano precedenti simili".

"Urge l’intervento del sindaco Giovanni Ferrara, affinché venga rimodulato il costo dell’appalto, tarato su 28 operai a fronte dei 23 operai che quotidianamente operano sul cantiere di igiene urbana di San Felice a Cancello, in attesa che il commissario liquidatore Francescopaolo Ventriglia si dia una mossa e avvii la procedura prevista per sostituire almeno i 3 operai che sono stati collocati in pensione", conclude la nota della Fiadel.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vinti 14mila euro nel casertano: centrato un terno al Lotto

  • La Campania può diventare 'zona arancione' nelle prossime 48 ore

  • Pasticcio zona rossa in Campania, oggi arriva la nuova classificazione

  • Va in ospedale per una colica renale ma finisce in tragedia: muore 40enne

  • Imprenditore casertano ubriaco alla guida uccide 37enne

  • Il sindaco non ha più la maggioranza: bilancio bocciato. Dopo 18 mesi finisce l'era Golia

Torna su
CasertaNews è in caricamento